Alto tradimento
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Riccardo Cascioli03-08-2015 AA+A++

Non è per spirito polemico che riprendiamo e confutiamo – con l’intervento di Roberto Marchesini - l’editoriale di Avvenire scritto dalla sociologa Chiara Giaccardi. Il fatto è che questo rappresenta un ulteriore passo di una strategia che diventa sempre più chiara e che accomuna il comportamento sul progetto in Italia di unioni civili e l’atteggiamento in vista del Sinodo del prossimo ottobre sulla famiglia.

Il quotidiano dei vescovi italiani – la cui direzione politica è saldamente in mano all’onnipresente segretario della CEI monsignor Nunzio Galantino – ha intrapreso già da tempo la strada della “terza via”. 

Su un fronte si dichiara né con gli ideologi del gender né con chi ha deciso di difendere i propri figli. Così si è smarcato dalla manifestazione di Roma del 20 giugno, continuando a bollare come oltranzisti, teorici del “muro contro muro” coloro che vi hanno aderito. E anche la Giaccardi non manca di sottolineare questa terzietà ponendosi a metà tra quelle che definisce “fazioni opposte”, ritenendo anche coloro che denunciano l'indottrinamento gender nelle scuole e nella società incapaci di dialogo.

Sull’altro fronte, quello del Sinodo, “scopre” la positività della questione gender (vedi articolo della Giaccardi) e valorizza qualsiasi tipo di unione, perché – dice – la stabilità di un rapporto, il prendersi cura dell’altro, l’amore sono valori positivi. Dimenticati, evidentemente, tutti i pronunciamenti del Magistero in materia; dimenticato l’ultimo, grande, discorso di Benedetto XVI alla Curia Romana (21 dicembre 2012), quando ha definito il gender la più grande sfida della Chiesa, nonché il tentativo di negare l’uomo e il piano creativo di Dio; dimenticati anche i ripetuti interventi di papa Francesco, per il quale il gender è “uno sbaglio della mente umana”.

Sul fronte della proposta di legge Cirinnà invoca dunque una “via italiana” cercando un compromesso extraparlamentare che salvi l’unicità della famiglia naturale (anche se monsignor Galantino la chiama erroneamente “costituzionale”) in cambio del riconoscimento alle unioni omosessuali, considerate un fattore che incrementa la solidarietà nella società, come ha scritto il direttore di Avvenire Marco Tarquinio.

Sul fronte sinodale si risolve con un sostegno - dapprima timido, ora più deciso – alle aperture “pastorali” molto ben sintetizzate e confutate sul nostro quotidiano dal nostro padre Enrico Cattaneo (clicca qui). L’editoriale della Giaccardi è un passo avanti in questo senso: non certo frutto di un’analisi suggerita dagli eventi recenti, ma passo calcolato in una strategia che viene da lontano.

La posizione di Avvenire-Galantino è infatti figlia di una “scuola di pensiero” già profondamente radicata e che, con diverse sfumature, troviamo in tutta Europa. Comunque basti dire che ciò che il direttore di Avvenire continua a spacciare come proposta personale, resa necessaria dall’attuale dibattito in Italia e dalle sentenze della Corte Costituzionale, si trova pari pari in un lungo saggio pubblicato nel 2008 dalla rivista dei gesuiti Aggiornamenti Sociali, con tutte le premesse teoriche del caso. Ben prima dunque delle sentenze della Corte Costituzionale, ben prima della proposta di legge Cirinnà, ben prima del pontificato di papa Francesco e ovviamente ben prima del doppio Sinodo sulla famiglia.

Questo saggio – “Riconoscere le unioni omosessuali? – Un contributo alla discussione” è firmato dal Gruppo di Studio sulla Bioetica nato intorno alla rivista dei gesuiti milanesi, di cui fanno parte al momento della pubblicazione: Carlo Casalone sj, vice-direttore di Aggiornamenti Sociali; Giacomo Costa sj, caporedattore di Aggiornamenti Sociali; Paolo Fontana, incaricato per la bioetica dalla diocesi di Milano; Aristide Fumagalli, professore di Teologia morale nel Seminario arcivescovile di Milano; Angelo Mattioni, docente ordinario di Diritto costituzionale all’Università Cattolica di Milano; Mario Picossi, professore associato di Medicina Legale all’Università dell’Insubria (Va); Massimo Reichlin, professore associato di Etica della Vita all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

In queste venti pagine scritte sette anni fa già troviamo tutto l’armamentario ideologico usato oggi sia per promuovere l’omosessualità nella Chiesa sia per approdare a una legge sulle unioni civili. Ognuno può leggere e verificare (clicca qui). Ognuno può capire da solo se la posizione del quotidiano della Cei sia espressione di realismo politico dettato dalla necessità di salvare il bene della famiglia quando la società punta in direzione opposta, o sia semplicemente un’operazione perseguita cinicamente nel tempo con una accorta strategia che ha contribuito alla deriva della nostra società e che ora vuole trasformare anche la dottrina della Chiesa.

 


26
Set
Santi Cosma e Damiano


SCHEGGE DI VANGELO

«Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Chi infatti è il più piccolo fra tutti voi, questi è grande». (Lc 9,46-50)



Monsignor Salvo Tomasi

Monsignor Tomasi, già nunzio apostolico all'ONU di Ginevra: «Guerre e violenze sono la principale causa delle attuali migrazioni che rischiano di destabilizzare l'Europa, la comunità internazionale deve fare di tutto per riportare la pace e prevenire guerre. L'accoglienza è importante ma per chi ha diritto di restare fondmentale è l'integrazione, un processo che richiede tempo e pazienza, ma anche regole chiare per chi arriva».

 

- TRUMP E IL MESSICO, UNA SFIDA PERICOLOSA, di Stefano Magni

di Riccardo Cascioli



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza