Divorzio breve. Partiti uniti per dividere la famiglia
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Alfredo Mantovano30-05-2014 AA+A++

E due! Dopo il lungometraggio “droghiamoci meglio droghiamoci tutti”, proiettato a inizio mese con l’approvazione del decreto sugli stupefacenti, la multisala Parlamento 68 ha sfornato ieri un nuovo film, quello del “divorzio sprint”. La versione definitiva sarà proiettata a breve sugli schermi del Senato: se però i numeri della Camera hanno un senso, la circostanza che la nuova legge sia passata con 381 a favore, 14 astenuti e 30 contrari non lascia dubbi sul seguito a Palazzo Madama. La vicenda esige considerazioni di merito, e poi nel comportamento tenuto dalle varie forze politiche, e infine quanto alle prospettive per ciò che interessa la famiglia.

Nel merito. Il sistema in vigore finora prevede che la domanda di divorzio possa essere proposta purché siano decorsi tre anni dalla comparizione delle parti davanti al presidente del tribunale per il giudizio di separazione personale; col nuovo testo sarà sufficiente un anno dalla notifica del ricorso per il giudizio di separazione. Dunque, la riduzione di tempo disposta dalle nuove norme supera i due anni rispetto al sistema attuale. Se la separazione è consensuale, il nuovo testo riduce l’anno a sei mesi; il tutto prescinde dalla esistenza e dalla età dei figli. È evidente che una così drastica riduzione dei termini ha come effetto immediato quello di rendere più difficili ripensamenti o ricomposizioni, e che il giudizio di separazione non è più – come secondo la logica originaria della prima legge sul divorzio, la c.d. Fortuna-Baslini, del 1970 – l’occasione per prendere le distanze da una situazione di difficile convivenza/coabitazione: un tempo non lunghissimo, ma neanche di poche settimane, che lasciava aperta la prospettiva di un ritorno alla vita comune insieme (poco probabile, ma non impossibile), derivante anche da una congrua esperienza di vita per conto proprio. Con la nuova legge, la separazione, o meglio  la richiesta di separazione – non si attende la sentenza di separazione – diventa il semplice formale passaggio verso il divorzio; varrebbe la pena eliminare ogni residua ipocrisia e unificare separazione e divorzio in un unico procedimento, visto che l’obiettivo è arrivare il prima possibile al divorzio. Altrettanto evidente è che i figli non contano nulla: una mamma di bambini nati da poco può trovarsi nel giro di poco più di un anno nella condizione di “divorziata” senza volerlo, e probabilmente, vista la fretta, senza che le disposizioni relative ai piccoli siano sufficientemente ponderate; peggio, può trovarsi nella debolezza di accettare “questa minestra” per non “uscire dalla finestra”, alla faccia della parità e della tutela dei minori.   

I voti. Due giorni fa l’Istat ha certificato che nel 2013 l’Italia ha toccato il limite negativo di nuove nascite; dipende da tante ragioni, non ultima la scarsa stabilità dei nuclei familiari: le più accurate ricerche attestano che le famiglie fondate sul matrimonio hanno una più elevata propensione a mettere al mondo figli rispetto a situazioni differenti (convivenze o single). Qualche ora prima i rappresentanti dei partiti che alle elezioni europee hanno perso, o hanno conseguito un minor numero di voti rispetto alle previsioni, hanno espresso il proposito di rivolgersi per il futuro al 42% di astenuti, per raccogliere le istanze che quegli elettori. Poiché fra le istanze rimaste senza risposta ci sono certamente quelle – non soltanto – del silenzioso popolo delle famiglie, alla prima occasione utile si è pensato bene di dare ragione al partito del non-voto, e si è mostrato sovrano disinteresse per il futuro demografico della Nazione. Ncd, non pago della splendida performance elettorale, né del contributo determinante fornito all’approvazione della legge sulla droga, ha ufficialmente dichiarato il proprio favore al divorzio-sprint, con le eccezioni, manifestate in motivati dissensi e in voti contrari di Eugenia Roccella, Alessandro Pagano e Raffaele Calabrò. La Lega ha lasciato libertà di coscienza ai suoi deputati, con toni molto critici sul provvedimento: il che è come dire che su un tema così cruciale non ha posizione; Massimiliano Fedriga ha però motivato il suo voto contrario. Forza Italia ha avuto un proprio deputato correlatore della legge, Luca D’Alessandro, dunque non l’ha solo votata, ma ha concorso a formarla, e di questo si è reso interprete in modo trionfale Giancarlo Galan: chi in FI ha manifestato dissenso sono stati Antonio Palmieri e Luca Squeri. Scelta civica ha entusiasticamente approvato il divorzio sprint, dopo avere – in poco più di un anno, quindi nei termini della legge – divorziato dal proprio elettorato. Fratelli d’Italia, con La Russa, si è associato, dissociandosi anch’egli da larga parte dell’elettorato del suo partito. Il solo gruppo che ha votato contro è stato quello dei Popolari per l’Italia: Paola Binetti e Mario Sberna hanno espresso la loro opposizione. È da segnalare, nel Pd, l’astensione di Beppe Fioroni. Ovviamente non c’è neanche da dire di Pd, Sel e M5S.

Prospettive. La programmazione della multisala Parlamento 68 è intensa, ed è ancora in corso. Mancano all’appello le unioni civili – si chiamano così, ma sono un paramatrimonio fra persone dello stesso sesso –, in Commissione Giustizia al Senato, il d.d.l. Scalfarotto, sempre nella stessa Commissione, e l’ultimo provvedimento pervenuto all’esame: il doppio cognome, che ha fatto il suo esordio due giorni fa in Commissione Giustizia alla Camera, con la relazione di Michela Marzano. Il popolo della famiglia può decidere di continuare a restare a casa: visti i comportamenti dei partiti dai quali poteva attendersi qualcosa di più, potrebbe convincersi che una parte di esso ha fatto bene a non andare a votare. È evidente, però, che se l’Aventino prosegue nelle piazze, e se vicende come la droga o il divorzio sprint passano senza alcun tipo di reazione, poi dovrà astenersi anche dal protestare, non avendone più alcuna legittimazione. Se invece decidesse che è l’ora di smetterla, e comunicasse le proprie opinioni con un nuovo Family day, potrebbero accorgersene perfino dentro al Palazzo.



SCHEGGE DI VANGELO

Egli però disse loro: «È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato». E andava predicando nelle sinagòghe della Giudea. (Lc 4,38-44)



La

Nel dibattito sulla ricostruzione dei paesi terremotati, c’è un fattore che viene da tutti ignorato e che pure è la vera ipoteca sul futuro: la crisi demografica. Amatrice, Monteleone, Arquata: la popolazione più numerosa è quella ultra 75enne e i giovani sono quasi la metà della media nazionale, già molto bassa. Ricostruire allora significa non soltanto fornire nuove abitazioni, ma pensare a misure che favoriscano la permanenza dei giovani e la natalità.
- SICUREZZA DELLE CASE? ECCO COME, di Francesco Ramella

di Riccardo Cascioli



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza