Hanno ucciso Capitan Findus
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Rino Cammilleri12-06-2014 AA+A++

Io credevo che i bastoncini di Capitan Findus fossero per i bambini. Talmente ne ero convinto che mi astenevo dal comprarli, onde non privarne i pargoli. Ed ero altresì convinto che neppure Capitan Findus, data l’età, avrebbe osato azzannare con la dentiera un bastoncino di pesce fritto, panato e surgelato. Ebbene, mi sbagliavo clamorosamente.

La Findus non produce solo bastoncini di pesce fritto panato e surgelato, ma ogni sorta di cibaria. Non solo. Codesta cibaria, contrariamente alle mie impressioni televisive, era per tutti. A prescindere dall’età. E dal sesso. Sì, pensate. L’ultimo spot mi ha aperto la mente. Passo a descrivervelo. C’è un giovine che invita la mamma a casa sua a consumare un pasto completo Findus.

Il giovine convive con un coetaneo. Il che, lì per lì, fa pensare a due studenti universitari o due impiegati assunti in prova che, per dividere le spese, hanno affittato lo stesso appartamento. In tutto il filmato le facce non si vedono, perciò come faccio a sapere che si tratta di giovanotti? Dalle voci, che potrebbero andar bene per la fascia d’età tra i diciassette e i ventun anni. La mamma, a giudicare dalla voce, è molto più vecchia ma non così tanto da provenire, la voce, da un essere ormai cadente. Il suo tono è piacevolmente sorpreso, quasi non si aspettasse che suo figlio fosse in grado di imbastire un desco così articolato e, si suppone data la leggera euforia, delizioso.

Qui, va detto, nello spettatore si fa strada una prima perplessità: è tutta roba precucinata, precotta e surgelata, dove sta l’abilità culinaria del giovine? Ma vabbe’, la mamma continua a fare la sorpresa. Ed ecco che il figlio le annuncia un’altra «piccola» sorpresa: «Gianni non è solo il mio coinquilino, è anche il mio compagno». La mamma, col tono scafato di chi ne ha viste tante nella vita, replica serena e comprensiva: «Tesoro mio, l’avevo capito». Chiuso l’argomento, tutti a tavola e lo spot si spegne.

Leggo sul sito del Secolo XIX che il portavoce di Gay Center (ma quante sono le sigle delle associazioni Lgbt? E, soprattutto, quanti sono i loro iscritti? Forse un conteggio complessivo rivelerebbe qualche sorpresa, magari non «piccola» come quella dello spot Findus) ha plaudito – e te pareva -all’iniziativa della ditta surgelante: «Dovrebbe essere di esempio per la comunicazione delle aziende». Come no.

Certo, siamo persuasi che l’esempio della Findus dilagherà, perché ai pubblicitari interessa solo che le loro creazioni facciano discutere e, perciò, abbiano la più ampia pubblicità possibile. Solo che, ahinoi, una cosa è la pubblicità, altra le vendite. La prima interessa ai «creativi», le seconde alle aziende che ci hanno messo i soldi.

In America, per esempio, le aziende che di «cultura» gay friendly non ne vogliono sapere hanno aumentato esponenzialmente il loro fatturato. Le associazioni Lgbt hanno schiamazzato, presidiato e boicottato, sì, ma più in là di far perdere il posto a qualcuno non sono andate (e negli Usa hanno come sponsor politico addirittura il Presidente). Noi italiani abbiamo un’esperienza precisa, quella dei radicali, che hanno sempre fatto da apripista a modificazioni del costume già pianificate da color che veramente contavano. Le sinistre poi intervenivano a realizzarle con ben altri mezzi. Ma nessun partito li voleva in casa, perché si sapeva bene che i radicali facevano perdere più voti di quelli che portavano.

Torniamo ai surgelati Findus. Lo spot «coming out» farà aumentare le vendite o, magari, le farà diminuire? Non ci resta che metterci alla finestra e stare a guardare. In attesa che, dati questi chiari di luna, una legge ci imponga, pena la galera, di acquistare prodotti Findus e Barilla. E non fate i furbi, perché in galera vi darebbero da mangiare solo quelli. 



27
Set
San Vincenzo de Paoli


SCHEGGE DI VANGELO

«Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio. (Lc  9,51-56)



Monsignor Salvo Tomasi

Monsignor Tomasi, già nunzio apostolico all'ONU di Ginevra: «Guerre e violenze sono la principale causa delle attuali migrazioni che rischiano di destabilizzare l'Europa, la comunità internazionale deve fare di tutto per riportare la pace e prevenire guerre. L'accoglienza è importante ma per chi ha diritto di restare fondmentale è l'integrazione, un processo che richiede tempo e pazienza, ma anche regole chiare per chi arriva».

 

- TRUMP E IL MESSICO, UNA SFIDA PERICOLOSA, di Stefano Magni

di Riccardo Cascioli



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza