L'odio arcobaleno per la Chiesa e i cattolici
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
inserisci il codice di verifica *
     
17-06-2017 AA+A++

Una drag queen che sembra una Madonna è la locandina del prossimo gay pride di Perugia. Blasfemie simili mostrano l’intento di uccidere il senso del sacro e la fede in ogni credente. La Vergine è così deturpata dall’odio arcobaleno. E' uno dei risvolti dell'omoeresia nella Chiesa. 

-L'AFFRONTO DI MADONNA "PRISCILLA" di Tommaso Scandroglio

Parte oggi il pride week di Milano. Tra gli eventi in cartellone anche una visita artistica degli iscritti Arcigay alla chiesa di San Simpliciano, dove è conservata un'incoronazione della Vergine inscritta nell'arcobaleno. Gli organizzatori: "Sì, il significato è un altro, ma oggi l'arcobaleno è simbolo della causa gay". 

-GAY PRIDE IN CHIESA GRAZIE A UN ARCOBALENO di Andrea Zambrano


Area Riservata Video »
29
Giu
Santi Pietro e Paolo


SCHEGGE DI VANGELO

E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. (Mt 16,13-19)



Gesù maestro

Tanta sollecitudine della Chiesa per i poveri non va intesa in senso sociologico o politico. Essere sotto una certa soglia di reddito non garantisce il Paradiso. C'è una povertà morale, intellettuale e spirituale che precede quella materiale e ne è causa. Perciò la Chiesa aiuta i poveri non solo con la Caritas ma sull'altare e nel confessionale, e amministrando i Sacramenti.

di Stefano Fontana



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Schegge di vangelo

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». (Mt 4, 12-23)


Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.