La neolingua gender si impone nella grammatica
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Tommaso Scandroglio19-09-2014 AA+A++

Se li trovi nei contratti di assicurazione li temi. Piccoli, fastidiosi e spesso letali. Sono gli asterischi. Ti imbatti in uno di loro e subito vai al rimando a piè di pagina per scoprire in quali guai ti andrai a ficcare firmando il contratto (i famosi “guai assicurati”). Da poco però è nata una nuova genia di asterischi. Quelli gender.

Nella «Dichiarazione d’intenti per la condivisione di buone pratiche non discriminatorie della lingua italiana», siglata dagli atenei di Trieste ed Udine e dalla Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste, si propongono suggerimenti in merito all’uso grammaticale del maschile e del femminile nei documenti ufficiali al fine di “non discriminare” le donne. In particolare provocano imbarazzo sessista frasi del tipo: "gli studenti e le studentesse sono stati sgridati". Perché “sgridati” e non “sgridate”? Perché coniugare il participio, quando riferito sia a maschi che a femmine, prediligendo sempre il genere maschile? Occorre eliminare, si fa notare nel documento, queste dissimmetrie grammaticali. Da qui la soluzione proposta ad un convegno a Zurigo: “gli studenti e le studentesse sono stat* sgridat*”. E poi ci chiediamo perché non si danno mai soldi a sufficienze alla ricerca.

Il Corriere della Sera prende al balzo la palla e si fa questa domanda: cosa fare per indicare chi non si sente né uomo né donna? Cioè quale vocale usare per il transgender e l’asessuato? Questi eterosessuali ormai hanno ottenuto il monopolio di tutte le vocali (o/i ed a/e) ad esclusione della “u”. Ma parlare di “professoru” e “presidu di facoltà” forse suona troppo sardo. Allora ecco arrivare il colpo di genio: usiamo anche per i sessualmente indefiniti l’asterisco, perfetto al fine di “riconoscere anche altre possibilità di genere, oltre al maschile e al femminile”. E così avremo “professor*” e “ricercat*” e frasi del tipo «Studentesse e studenti sono invitat* a presentarsi...» (pare barese) ad uso e consumo per gli indecisi del sesso.

Quindi la soluzione per assegnare dignità grammaticale a color che sessualmente stan sospesi è un asterisco. Primo passo dell’esperanto omosessuale, della neo lingua per un neo popolo. D’altronde l’asterisco è la soluzione ottimale, infatti indica l’assenza di suono, la troncatura (o stroncatura) della parola. Così come il gender che è assenza di definizione, è neutralità sessuale, è (s)troncatura dell’umano nella sua dimensione binaria uomo/donna a noi così usuale. Né maschile né femminile come l’Onnipotente che però è Padre. Solo che “Dio” si scrive senza asterisco alcuno.

C’è da aspettarsi a breve un gragnuola di segni grafici per altrettante sfumature di orientamento sessuale: le virgolette per i bisessuali, ^ per i queer e § per gli intersessuali. Successivamente si inventeranno anche i fonemi per ognuno di questi sema. E il risultato sarà che noi prenderemo per refusi di stampa queste stramberie grafiche e a sentire parlare la neolingua gender per strada penseremo che l’immigrazione di stranieri starà toccando vertici mai raggiunti.

Ma sì lasciamo ai cultori del gender gli asterischi, le virgolette e pure la chiocciola della mail. Noi ci teniamo volentieri tutto il resto dell’alfabeto che ha generato la Divina Commedia e i Promessi sposi. L’unico dubbio che inquieta è il seguente: vuoi vedere che per compiacere la terza metà del cielo – quella gay – anche questi due capolavori dovranno subire un’adulterazione grammaticale e diventare Divin* Commedi* e Promess* Spos*?


31
Ago
San Raimondo Nonnato

SCHEGGE DI VANGELO

Egli però disse loro: «È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato». E andava predicando nelle sinagòghe della Giudea. (Lc 4,38-44)



Hamza Piccardo, ex dirigente Ucoii

Diciamo la verità: non ha tutti i torti Hamza Piccardo, ex dirigente dell’Unione delle comunità islamiche (Ucoii), quando chiede che, in base alla legge Cirinnà, pure la poligamia diventi diritto. Accettate le premesse delle legge non si può che accettare anche le conclusioni. In primo luogo le unioni civili si basano sulla libertà di due persone dello stesso sesso di rendere legittimo il loro legame anche di fronte alla legge. Perché vietarlo anche a tre o quattro persone che si vogliono unire reciprocamente?

di Tommaso Scandroglio



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza