Libertà di educazione, migliori risultati scolastici
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Marco Lepore10-12-2012 AA+A++

Può sembrare davvero strano che proprio nei giorni in cui una nuova mazzata colpisce le scuole paritarie del nostro Paese, rischiando di determinarne la chiusura (“grazie” al regolamento che le obbliga al pagamento dell'Imu sempreché non pratichino rette pari a zero oppure solo simboliche), una notizia “bomba” sia stata sostanzialmente ignorata dai mass-media nostrani, con l'eccezione di Avvenire

Eppure lo studio “The Learning curve” (La curva dell'apprendimento), presentato ufficialmente a Londra nei giorni scorsi, è stato commissionato non dalla Cei o dal Vaticano, ma da un'azienda che più laica non potrebbe essere: si tratta di Pearson, il colosso mondiale dell'editoria didattica (in Italia Pearson comprende alcuni marchi storici come Paravia e Bruno Mondadori).

“The Learning Curve” mette a confronto 50 paesi in base a 60 diversi parametri: dai risultati dei test OCSE-Pisa e TIMSS agli investimenti governativi, passando per gli stipendi del personale docente e il rapporto alunni-professori, senza tralasciare indicatori economici come il tasso di occupazione dei diplomati/laureati, il reddito percepito e il benessere generale di ogni paese. In questo confronto l'Italia occupa il 24esimo posto, dopo la Germania (15esima) e gli Stati Uniti (17esimi), prima della Francia (25esima) e della Spagna (28esima).

Diversi organi di stampa, specializzati e non, ne hanno parlato, evidenziando in chiave polemica che L'Italia ha tra i suoi punti critici quello di investire meno di tutti in istruzione (9% della spesa pubblica); un po' meno è stato rimarcato un altro aspetto di rilievo, e cioè che i paesi che guidano la classifica (Finlandia e Corea del Sud), pur avendo sistemi educativi totalmente diversi, sono accomunati dalla grande importanza attribuita all'insegnamento: in particolare, entrambi reclutano gli insegnanti tra i migliori laureati, valorizzando poi con un adeguato riconoscimento sociale il loro ruolo.

Qual è, allora, la notizia “bomba” che è stata totalmente ignorata? Semplicemente questa: nel corposo dossier è scritto nero su bianco che “la presenza di scuole gestite da operatori privati produce un effetto significativamente positivo sul profitto degli studenti in Matematica, Scienze e Letteratura» e dunque “la concorrenza scolastica genera benefici reali per tutti”. Queste affermazioni così perentorie, per un sistema come il nostro ancora pesantemente caratterizzato da una politica scolastica statalista, rappresentano un vero e proprio pugno nello stomaco.

Il ricco documento approntato da Pearson mostra, numeri alla mano, (http://thelearningcurve.pearson.com/the-report/school-choice-and-accountability) come nei Paesi in cui viene offerta alle famiglie la possibilità di scegliere quale tipo di scuola far frequentare ai loro ragazzi, questi riportino risultati mediamente migliori nelle diverse materie.

Le ragioni sono molto semplici: un sistema in cui vige una concorrenza reale determina una competizione in termini di efficacia ed efficienza da parte dei diversi soggetti operanti nel settore. Concorrenza reale, però, significa consentire a tutti di scegliere davvero, non come accade da noi….

La conseguenza del ragionamento, infatti, è che in Italia bisognerebbe cambiare il rapporto tra Stato e scuole paritarie, e non certo nella direzione assurda dei tagli sempre presenti nelle ultime "leggi di stabilità" o, peggio ancora, del decreto sull'IMU al non profit, bensì consentendo alle famiglie, attraverso appositi meccanismi quali sgravi fiscali significativi, buoni-scuola ecc., una possibilità effettiva di scelta.

Lo studio di Pearson sottolinea anche un altro dato, importantissimo per un Paese come il nostro in cui la scuola paritaria è osteggiata proprio da chi si erge a paladino delle “classi operaie”: dalla possibilità concreta di scelta della scuola, scaturisce un beneficio che è maggiore proprio per gli studenti di estrazione socio-economica svantaggiata. È il caso, ad esempio, di Belgio e Paesi Bassi, dove le scuole private (spesso confessionali, tra l'altro) sono finanziate direttamente dallo Stato. Spiega “The Learning curve”: «Se sono presenti più istituti non statali, in modo che il settore scolastico non sia amministrato secondo il modello unico di una sorta di "monopolio di Stato", i Paesi hanno performance migliori».

Insomma, meno Stato e più libertà di scelta uguale migliore qualità scolastica e maggiore equità sociale.

 


30
Ago
Beato Alfredo Idelfonso Schuster

SCHEGGE DI VANGELO

Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno? (Lc 4,31-37)



Hamza Piccardo, ex dirigente Ucoii

Diciamo la verità: non ha tutti i torti Hamza Piccardo, ex dirigente dell’Unione delle comunità islamiche (Ucoii), quando chiede che, in base alla legge Cirinnà, pure la poligamia diventi diritto. Accettate le premesse delle legge non si può che accettare anche le conclusioni. In primo luogo le unioni civili si basano sulla libertà di due persone dello stesso sesso di rendere legittimo il loro legame anche di fronte alla legge. Perché vietarlo anche a tre o quattro persone che si vogliono unire reciprocamente?

di Tommaso Scandroglio



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza