Per l'Italia questa è l'unica speranza di un futuro
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
inserisci il codice di verifica *
     
di Riccardo Cascioli31-01-2016 AA+A++

«Una giornata storica», «È stata scritta una pagina di storia», erano ieri pomeriggio i commenti più frequenti che si sentivano al Circo Massimo e dintorni. E davvero è stato un evento storico il Family Day. Una folla straboccante, tantissimi giovani e tantissime famiglie intere con bambini al seguito, un popolo stupito di se stesso.

Eh sì, perché neanche i partecipanti si aspettavano di trovarsi in mezzo a tantissimi altri che vivono e testimoniano quotidianamente l’unicità e la bellezza della famiglia. Dell’unica famiglia possibile, quella fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e aperta alla trasmissione della vita. Sorpresi, non c’è dubbio: da anni, ogni giorno media, politici, intellettuali e anche alcuni ecclesiastici ci descrivono un paese dove la famiglia non c’è più, dove tutti sono felici in unioni le più strampalate, dove i matrimoni sono un’eccezione. Chi è regolarmente sposato, chi vive il matrimonio nella fedeltà, chi ha dei bambini e ne desidera altri, è ovvio che si sia ormai convinto di essere una presenza residuale nella modernità. E quindi si è giustamente sorpreso di scoprire che invece come lui (o lei) è la maggioranza degli italiani. E pur senza conoscersi ci si è sentiti di appartenere a un popolo.

Eppure questo popolo non viene raccontato da nessuno, né ha nessuno che lo rappresenti davvero (ma di questo parleremo meglio nei prossimi giorni), è un popolo che si è imposto all’attenzione dei media autoconvocandosi, facendo passare le informazioni essenzialmente attraverso la rete. Anche questo è un fattore che contribuisce a scomodare l’aggettivo “storico”.

C’è un secondo aspetto, legato a questo, da sottolineare. Sempre nella narrativa ufficiale, chi si prende la responsabilità di una famiglia stabile e ne difende le ragioni è considerato un retaggio del passato, un freno alla modernizzazione, o anche un difensore dei propri privilegi acquisiti, quando non un razzista.

Ma ciò che emerge dal Circo Massimo è piuttosto un’altra realtà. Non solo questo popolo - con il suo senso di responsabilità, con la stabilità che garantisce, con l’educazione dei figli, con il lavoro in vista di un futuro - è ciò che permette ancora a questo paese di galleggiare. Esso è anche l’unica speranza per il futuro. L’attacco alla famiglia che viene sistematicamente portato da 50 anni a questa parte, con una recente ulteriore accelerazione, ha già fatto crollare la natalità a livelli più che insostenibili, ogni anno si batte il record negativo di nascite e ormai neanche l’immigrazione riesce più a mascherare questa realtà. E non è solo una questione di numeri: chi ha contatti con il mondo della scuola sa quanto la disgregazione crescente delle famiglie comporti problemi di apprendimento e di comportamento nei ragazzi. E si potrebbe continuare.

Le famiglie del Circo Massimo, con la loro testimonianza, rappresentano l’unica ancora di salvezza, l’unica speranza di risalita per l’Italia. In questa piazza ieri c’era il futuro dell’Italia, non il passato, c’era l’Italia che costruisce giorno per giorno, c’era l’Italia che pensa ai doveri che ha prima che ai diritti da lucrare, c’era l’Italia capace di responsabilità nei confronti di tutta la società, e che proprio per questa responsabilità deve difendere i propri figli quando sono minacciati, come nel caso del ddl Cirinnà. 

Il vero problema è che lo capisca chi ha il governo del paese che, comunque vada, non potrà fare finta di non aver visto. E non si accettano furbate, compromessi o simili. Il popolo del Circo Massimo ha detto una parola molto chiara: le unioni civili distruggono la famiglia, il ddl Cirinnà è irricevibile.


30
Apr
San Pio V


SCHEGGE DI VANGELO

Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. (Lc 24,13-35)



Cascioli e Anna Silvas

Il successo del convegno internazionale al Columbus promosso in Vaticano da Bussola e Timone "A un anno da Amoris Laetitia, fare chiarezza". Giornalisti, esperti, curiosi, semplici fedeli. Laici da tutto il mondo per la prima volta escono allo scoperto nel dibattito post sinodale con franchezza e amore per la Chiesa.

-LIMINSKI: L'INDISSOLUBILITA' CONVIENE ALLA SOCIETA'

-COLLIN: NON E' QUESTO IL DISCERNIMENTO DI S.IGNAZIO

-FARROW: ALLE RADICI DELLA CRISI ATTUALE

-SILVAS: AMORIS LAETITIA, AMBIGUITA' VOLUTA

-MESSINA: IL CASO AFRICANO

-PIERANTONI: MAGISTERO E TRADIZIONE: MAI SEPARATI

di Lorenzo Bertocchi



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Schegge di vangelo

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». (Mt 4, 12-23)


Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.