Zalone, l’irresistibile nostalgia di un “mondo piccolo”
Invia il link ad un amico Chiudi form
* Campi obbligatori
email destinatario *
inviato da *
       
di Roberto Marchesini07-01-2016 AA+A++

Per l'ennesima volta Checco Zalone (Luca Medici) ha fatto centro. Il suo ultimo film, Quo vado, è un successo strepitoso al botteghino e i critici imbarazzati: nessuno potrebbe chiedere di più. Tutti si chiedono: qual è il segreto del successo del comico pugliese? Ognuno dice la sua, e nessuno sembra cogliere il segno. Quindi ci provo anche io, danni non posso fare. Quella di Checco Zalone è un'operazione nostalgia. Non nel tempo, ovviamente: i suoi film sono incastonati nell'attualità. Un'operazione nostalgia che riguarda un modo di vivere, tipicamente italiano, che non esiste più; ma che tutti (ammettiamolo) ricordiamo con struggimento.

Checco vive in un mondo tutto suo, fatto di famiglia (la mamma che cucina, la vecchia zia alla quale si può chiedere di tutto...), di lavoro (ma non troppo), di relazioni, di amicizie. Il suo è un mondo senza norme Ue, senza cibo “bio”, senza allarmi sanitari, senza politicamente corretto. Un “mondo piccolo”, direbbe Guareschi; un'italietta alla buona, che si commuove per il ritorno di Al Bano e Romina a Sanremo, dove i “buoni sentimenti” non fanno alzare il sopracciglio, dove ognuno è come è, e va bene lo stesso. 

Un mondo nel quale gli africani hanno l'anello al naso e la sveglia al collo, dove si ride di animalisti, vegani, guru, omosessualisti, manager, terzomondisti... Un mondo nel quale il politico intrallazzone ma di buon cuore è il buono; e la donna laureata, sexy e in carriera è la cattiva (ma niente paura: alla fine si converte, manda a quel paese i regolamenti, le leggi, la carriera e si salva). Un mondo dove il massimo della vita è un'impepata di cozze tra amici (e non importa se sono musulmani), le orecchiette fatte a mano dalla mamma. Un mondo dove la perfezione, le norme, il rigore, “la civiltà” sono disumani, falsi, tolgono la gioia di vivere (che bella una macchina in seconda fila in Norvegia...). 

Un mondo dove al primo posto c'è la persona, poi vengono le ideologie, i regolamenti. Un mondo senza l'ideologia di genere («No, il paradosso no!»), nel quale gli uomini incarnano gli stereotipi maschili e le donne quelli femminili. Un mondo nel quale vengono infrante tante regole, per prime le regole del perbenismo contemporaneo. Sarà un mondo scandaloso ma, e resti tra noi: non è un bel mondo? Diciamolo: il mondo di Checco non è l'Italia “nazional-popolare” degli anni Settanta, non è la Prima Repubblica (che «non si scorda mai»), quando eravamo più umani, più sereni, più sinceri, più liberi? Non è forse vero che si stava meglio quando si stava peggio? Quando ci si svegliava con il Gazzettino padano, le vacanze estive (rigorosamente in Italia) erano chiamate “l'esodo di ferragosto”, quando il Masterchef era la nonna Tina, quando le automobili erano senza centralina elettronica e ognuno poteva metterci le mani senza essere un meccanico autorizzato? Avete presente L'italiano di Toto Cotugno? Beh, chi non ha nostalgia di quell'Italia?

Avete presente la favola I vestiti nuovi dell'imperatore? Nella quale l'imperatore se ne va in giro nudo e nessuno ha il coraggio di dirlo, per conformismo, per viltà, perché «Non sta bene»? Un bambino grida «Il re è nudo», e tutti scoppiano a ridere. Ecco: Checco Zalone è il bambino che dice: «Il re è nudo!». Il terzomondismo, il politicamente corretto, l'ideologia di genere, l'omosessualismo, l'animalismo, l'europeismo, il rigorismo, il salutismo, ecologismo, pacifismo e tutto quello che ci hanno propinato da trent'anni a questa parte... è nudo! E noi, finalmente - nudi anche noi - troviamo il coraggio di riderne a crepapelle. Almeno finché non usciamo dal cinema.

 


26
Lug
Santi Gioacchino e Anna


SCHEGGE DI VANGELO

«La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo». (Mt 13,36-43)



Il beato Charles de Foucauld

«Secondo la loro fede, i musulmani ritengono l’islam come la loro vera casa e i popoli non-musulmani come destinati a essere sopraffatti da loro o dai loro discendenti… La loro fede li assicura che usciranno vincitori da questo scontro con gli europei». Lo scriveva già un secolo fa il beato Charles de Foucauld. Una profezia.

di Charles de Foucauld



DOSSIER

Gli attentati di Bruxelles, oltre a provocare decine di vittime, hanno risvegliato la paura in un'Europa sotto attacco, sin dentro la sua capitale. L'attacco, avvenuto proprio nel mezzo di un periodo di massima allerta, rivela anche quanto siano fragili le nostre difese, militari e morali.

RUBRICHE

Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.


Schegge di vangelo

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»

(Giovanni 20, 1-9)



BLOG DEI COLLABORATORI
Cyrano da Fauglia

Il blog di Paolo Togni


Il blog di Robi Ronza
La pagina personale di Robi Ronza