cerca per categoria
Rubriche: Paolo il caldo
12

Inserito il 13-04-2016

Siamo destinati a convivere per un periodo non breve con tante menzogne. È una grande menzogna, per esempio, la connessione tra riscaldamento globale e attività dell’uomo. Ed è un’altra  grandissima menzogna che la decrescita della ricchezza e del benessere materiale porti alla felicità.

di Paolo Togni

Inserito il 07-04-2016

I vertici dell’azienda che gestisce l’acquedotto del Comune di Roma,  annunziano che potranno godere dei 15 giorni di licenza matrimoniale tutti i dipendenti che presenteranno un qualsiasi documento comprovante l’unione riconosciuta da uno Stato dell’Ue, anche senza trascrizione nei registri dello Stato civile italiano. 

di Paolo Togni

Inserito il 13-01-2016

Da tempo sono frequenti gli inviti alla coesione nazionale: l’attuale, gravissima crisi – si sostiene – può essere superata solo, o almeno meglio, da un Paese nel quale tutte le forze politiche operino per un obiettivo comune, in piena concordia. Ma questo non è certo il principio che regola la democrazia. 

di Paolo Togni

Inserito il 10-12-2015

Ricevo dal caro amico Carlo Lombardi, fisico con cattedra al Politecnico di Milano, alcune considerazioni su una comunicazione di un inutile e parassitario organo comunitario, l’Agenzia Europea per l’Ambiente. Questa piazza l’Italia, attribuendole poco meno di 85.000 morti l’anno per cause ambientali. Una bufala

di Paolo Togni

Inserito il 21-11-2015

Simpatica o meno, bisogna però riconoscere che, in barba a tutti gli storici, politici, generali ed analisti, Oriana Fallaci è stata l’unica che abbia saputo prevedere come sarebbe andata a finire la convivenza tra la civiltà occidentale e le spinte totalitarie e intolleranti della “civiltà” islamica.

di Paolo Togni

Inserito il 15-11-2015

Siamo in attesa del Cop 21, la Conferenza Internazionale sul clima. In tale sede tutti gli Stati del mondo dovrebbero assumere impegni – inutili ma carissimi – per diminuire la quantità di Co2 immessa in atmosfera. Inutile apostipite degli inutili accordi in materia, quello di Kyoto, fu negoziato per l’Italianel 1997. 

di Paolo Togni

Inserito il 08-11-2015

E così il Daily Mail c’è ricascato; e dopo aver messo in allarme l’universo mondo con l’articolo terrorista sulla cancerogenicità delle carni lavorate e della carne rossa, ora pubblica un elenco delle 116 sostanze carcinogene contenute nella lista dell’Oms. Aggiungendo così confusione a confusione.

di Paolo Togni

Inserito il 28-10-2015

I giornali riportano periodicamente bellicose dichiarazioni di presidenti di Regioni che, calzati elmetto e fucile, dichiarano guerra allo Stato centrale, accusato di essere invadente, prevaricatore e maligno. E rivendicano competenze maggiori rifiutando qualsiasi provvedimento dello dallo Stato che invada il loro territorio.

Paolo Togni

Inserito il 17-10-2015

Voglio tornare sul funzionamento della Pubblica amministrazione, da me già affrontato nel mio ultimo intervento, per rispondere a diversi lettori che mi hanno inviato osservazioni o commenti. Mi preme ribadire che l’apparato burocratico deve dipendere pienamente dal popolo, quindi dal potere politico

di Paolo Togni

Inserito il 14-10-2015

A proposito anche del caso Marino, una larga parte dei commenti attribuisce le colpe dell’inadeguata gestione della città di Roma non al sindaco, ma agli uffici dell’Amministrazione. Dissento radicalmente da questa opinione e credo che  in massima parte lo sfascio del Comune capitolino sia colpa dei politici. 

di Paolo Togni

Inserito il 08-10-2015

Era facile immaginare che la vicenda delle false certificazioni della Volkswagen avrebbe fornito ad ambientalisti di ogni genere l’occasione per schiamazzare e reclamare qualcosa; ed ora si chiede una stretta di vite sulle autorizzazioni connesse col settore dei trasporti. Ma è solo un pretesto.

di Paolo Togni

Inserito il 25-09-2015

Tre lezioni da apprendere dalla truffa di Volkswagen: mai fidarsi del venditore, mai fidarsi di quel governo che protegge il venditore, uniformare le leggi sull'ambiente. Le conseguenze più gravi, a parte quelle economiche, saranno nel crollo di fiducia nei confronti dell'industria automobilistica.

di Paolo Togni

Inserito il 31-07-2015

Credo veramente che possiamo parlare di un aureo libello. In poche pagine il libro Cattolicesimo, ecologia e ambiente di Dominique Rey, vescovo di Fréjus-Toulon, riassume e definisce, anche utilizzando un ampio numero di citazioni dogmatiche e pastorali, la posizione della Chiesa cattolica sulla questione ecologica.

di Paolo Togni

Inserito il 21-07-2015

Ulisse incoraggiò i compagni del suo ultimo viaggio con l’orazione che ha come fulcro centrale la famosa esortazione: «Fatti non foste a viver come bruti/ma per seguir virtute e canoscenza». Sulla virtù il discorso dovrebbe essere abbastanza chiaro, ma ora voglio ragionare un pochino sulla “canoscenza”.

di Paolo Togni

Inserito il 09-07-2015

La promessa di cancellare l’obbligo di restituire i soldi ricevuti in prestito ingolosisce la gente e la porta a fare scelte pazze. Succede così fin dall’antichità: lo fece Catilina nel 62 a. C. che promise al popolo di cancellare tutti i debiti. Finì come sappiamo, e oggi, più di duemila dopo, ci riprova la Grecia di Tsipras.

di Paolo Togni

Inserito il 25-06-2015

I guai di Marino nell’amministrare Roma crescono di giorno in giorno: non quanto i guai dei romani a essere amministrati da Marino, ma poco ci manca. Dopo il Presidente del Consiglio comunale, l’assessore alla casa e via andando, ora si è dimesso anche l’assessore ai Trasporti Improta, fedelissimo di Renzi.

di Paolo Togni

Inserito il 19-06-2015

Un punto debolissimo dell'enciclica sta nell'assunzione di teorie economiche, sociologiche e ambientaliste molto discutibili, fino al punto di riecheggiare i falsi allarmi del Club di Roma. Ma la sobrietà si deve afre per scelta etica, non per necessità strategica.

di Paolo Togni

Inserito il 13-05-2015

È possibile porre rimedio alla mancanza di libertà effettiva nel nostro Paese, come spiegavo nel mio precedente articolo? Per poter dare una risposta positiva occorre verificare l’esistenza di un pre-requisito nei rappresentanti delle istituzioni. A mio parere la formula è: "tolleranza zero", la condizione perché si avveri la libertà.

di Paolo Togni

Inserito il 06-05-2015

Oggi, nel 2015, noi italiani possiamo dirci veramente liberi? E partiamo dalle libertà “classiche”, quelle che costruiscono intorno alla persona un’area che nessuno può violare: riguardano la vita e le pertinenze strettamente personali. È pur vero che le norme in essere le garantiscono; ma in concreto che succede?

di Paolo Togni

Inserito il 29-04-2015

La retorica buonista e il pauperismo conformista non cessano di alzare la voce sulle carenze alimentari, sull’insostenibilità dell’aumento della popolazione. Falsità comprovate dagli stessi dati della Fao: la popolazione mondiale è raddoppiata tra il 1960 e il 2003, la produzione di alimenti è aumentata di circa tre volte.

di Paolo Togni

Inserito il 22-04-2015

In questa settimana si ricordano due date di grande rilievo per la nostra vita nazionale: il 25 aprile del 1945 e il 18 aprile del 1948. Ma è in questa data che l’Italia conquistò la piena libertà, con la vittoria elettorale schiacciante della Democrazia Cristiana contro il Fronte Popolare delle sinistre.

di Paolo Togni

Inserito il 11-04-2015

Non è vero che tra occidentali e islamici, tra cristiani e musulmani, ci sia uno scontro di religioni: l’appartenenza religiosa è solo la copertura sotto la quale si verifica un fiero scontro – tendenzialmente all’ultimo sangue – tra due civiltà: quella occidentale nella quale viviamo e l'orientale che vuole distruggerla.

di Paolo Togni

Inserito il 04-04-2015

Parrà incredibile, ma pure nei vaneggiamenti farneticanti dei sostenitori dell’origine antropica del riscaldamento della Terra si possono trovare affermazioni condivisibili. Come l’appello a migliorare l’efficienza dei sistemi energetici, cioè a riuscire a mantenere o aumentare i livelli di consumo. Ma a patto che...

di Paolo Togni

Inserito il 28-03-2015

Si fa sempre più strada una visione "sociologica" della Chiesa che spinge una parte della gerarchia e teologi a proclami in aperta contraddizione con ciò che la Chiesa ha sempre insegnato. Ma il nostro maggior conforto sta nella certezza che il Signore non abbandonerà né la Sua Chiesa né  i suoi fedeli.

di Paolo Togni

Inserito il 21-03-2015

I fenomeni corruttivi venuti alla luce nelle ultime settimane sono episodi singoli. Il problema, però, è cronico. E trova origine nelle vere e proprie mafie delle burocrazie ministeriali. Una cupola di potere inamovibile che muove miliardi e detta legge, formata da persone eterogenee che hanno un unico obiettivo comune: il potere.

di Paolo Togni

Area Riservata Video »
21
Ago
San Pio X papa


SCHEGGE DI VANGELO

«Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!». (Mt 19,16-30)



Hanna e suo marito Steve

Mentre il potere vuole eliminare le persone che più sfuggono al suo controllo, spesso quelle malate o disabili, Hannah racconta la vita con un marito affetto da una forma di autismo e il segreto di un limite accettato: "La limpidezza, l'innocenza e il realismo di mio marito mi ripagano di tutte le fatiche che devo fare e fanno di lui un uomo affidabile e un vero padre. Perciò non cambierei nulla di lui". 

di Benedetta Frigerio



DOSSIER

Papa Francesco
Dopo "Amoris Laetitia" è possibile accostarsi all'Eucaristia per i divorziati risposati? Continua a essere valida l'esistenza di norme morali assolute? Esiste ancora la condizione di peccato grave abituale? Vale ancora che un atto intrinsecamente disonesto per il suo oggetto non può diventare soggettivamente onesto?

RUBRICHE

Schegge di vangelo

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». (Mt 4, 12-23)


Lettere in redazione

L’articolo di Angelo Busetto ("Marta e Maria, lavorare oppure no?") ha provocato una nostra lettrice che ci ha inviato le sue osservazioni. E scrive: Gesù a casa mia? A me viene in mente mio marito che torna a casa stanco dal lavoro: non è forse accogliere Gesù?». Ecco la sua lettera.