• SUB TUUM PRAESIDIUM

    E Tolkien pregava, in elfico, per invocare protezione

    Il Sub tuum praesidium è stato tradotto nell'arcaica lingua elfica creata da JRR Tolkien. Il grande scrittore cattolico britannico aveva creato un mondo fantastico che, pur non parlando di religione, era profondamente religioso. Per proteggerci da Sauron, l'Oscuro Nemico, il Papa, così come i suoi personaggi, recitano la prima preghiera mariana

    • IL LIBRO DI DE MATTEI

    Massoneria e segreti, il mistero della Trilogia romana

    La polemica antivaticana e luciferina della Massoneria nel libro di De Mattei, Trilogia romana. 

    • IL LATINO SERVE A TUTTO/XXVII

    Catullo, in cerca di un amore eterno e gioioso

    L’amore di Catullo e questo, lo reclama potentemente il cuore, un «aeternum […] sanctae foedus amicitiae»: un «foedus» ovvero un patto, fondato sulla fides, la parola data, la lealtà, che non può essere violata o tradita, e duraturo nel tempo, ben oltre il tempo, tanto che ottiene la garanzia dell’eternità. Non è a termine, non ha scadenza. 

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Girolamo, il sapiente che ci regalò la Bibbia "popolare"

    A Girolamo si deve la Vulgata, traduzione in latino della Bibbia dall'antica versione greca ed ebraica, cosiddetta per il suo registro non particolarmente aulico ma, al contrario, alla portata del popolo. E' uno dei primi quattro dottori della Chiesa. Il suo motto è un programma di vita che riecheggia ancora oggi: “Adempio al mio dovere, ubbidendo al comando di Cristo: «Scrutate le Scritture». 

    • IL LATINO SERVE A TUTTO XXVI

    Lucrezio, la ricerca impossibile di una felicità

    Nel terzo libro del De rerum natura Lucrezio rappresenta la condizione esistenziale dell’uomo che avverte nel fondo dell’animo un fastidio che lo tormenta, definito taedium vitae, un pungolo, un peso, un’insoddisfazione che lo porta a spostarsi di luogo in luogo, alla ricerca della serenità o, meglio, della felicità:

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Matteo, penna di Dio "sotto dettatura" dell'angelo

    Nella chiesa di San Luigi dei Francesi, Caravaggio realizza un intero ciclo dedicato all'ex pubblicano convertito Levi e poi evangelista Matteo. Si presenta come un saggio anziano, con la penna pronta intinta nel calamaio e si rivolge verso l’angelo luminoso, alle sue spalle. Computando con le dita elenca la stirpe di Gesù risalendo lungo la Sua discendenza da Davide. E' l'incipit del suo Vangelo. 

    • FESTA A NAPOLI

    San Gennaro, carne e sangue di una fede concreta

    Il Cattolicesimo è carne e sangue. Diffidate sempre di coloro che riducono il Cattolicesimo ad un vago spiritualismo. La vera comprensione si risveglia spesso ad un livello ancestrale, pre verbale. Essa, come per San Gennaro, ha qualcosa di carnale ma senza essere peccaminosa.

    • ANTEPRIMA/IL LIBRO

    Miracolo di Paolo VI: monito per i singoli e per la Chiesa

    In libreria nei prossimi giorni il libro di Andrea Zambrano che racconta la miracolosa storia di Amanda, la cui guarigione ha permesso la canonizzazione di Papa Montini. La Nuova BQ lo ha letto in anteprima. Tutto comincia in una casa dove la fede è tiepida e la mentalità mondana: il secondo figlio sì, ma solo se è sano. Vanna, incinta, dopo un incontro che si rivelerà provvidenziale decide per la villocentesi causando la rottura delle membrane...

    • PER PRIMO HANNO UCCISO MIO PADRE

    L'incubo dei Khmer Rossi rivissuto nel film della Jolie

    Quasi un terzo della popolazione della Cambogia venne sterminato dalla dittatura comunista dei Khmer Rossi, ma dell'eccidio cambogiano c'era un solo film, Urla nel silenzio, del 1984. Angelina Jolie, l'anno scorso, ha fatto rivivere l'incubo con Per primo hanno ucciso mio padre, autobiografia di una scrittrice che nel '75 era bambina.

    • L'INTERVISTA DELLA ANDREOZZI

    Umanità Child Free, le basi culturali dell'estinzione

    La scrittrice e attrice Michela Andreozzi, sul Corriere, confessa di essere felice a non avere figli. Invece che "childless" si definisce "child free", libera da figli, che vede come una conquista sociale. Non va solo contro la religione, ma anche contro la stessa natura umana, per la quale la riproduzione è imperativo categorico.

    • IL LATINO SERVE A TUTTO/XXV

    Bellezza e sintesi della lingua: il sacrificio di Ifigenia

    La bellezza del De rerum natura è comprensibile dalla lettura attenta del testo in latino che permette di illuminare da un lato l’abilità e il virtuosismo plastico con cui Lucrezio costruisce immagini icastiche e dall’altro le incredibili potenzialità della lingua latina.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Esaltazione della croce: ostensione e innalzamento

    “Innalzamento” e “ostensione”: racchiude entrambi i significati il termine “esaltazione”- che qui si intende della croce - festa liturgica celebrata dalla chiesa cattolica, come da quella ortodossa, per evidenziare l’importanza teologica del mistero della croce di Gesù. Come racconta la legenda aurea.