• CORTE SUPREMA

    Kavanaugh, tutti in campo per fermare un conservatore

    Voto rimandato all'intero Senato per la conferma del giudice Brett Kavanaugh, nominato da Trump alla Corte Suprema. Viene accusato di tentato stupro, un episodio del lontano 1982, da Christine Blasey Ford. Democratici alla carica, Repubblicani divisi.

    VA IN ONDA IL FEMMINISMO ANTI-MASCHIO di Alessandra Nucci

    • LA VISITA

    Erdogan in Germania cerca di ricucire i rapporti perduti

    Il presidente turco in visita in Germania, accolto da 3 milioni di turco-tedeschi. E adesso che Erdoğan ha messo le mani su tutto spera che tutto gli possa essere condonato. Spera che i rapporti tornino ad essere buoni (sempre che lo fossero) come prima del golpe del 2016 e prima della massiccia violazione dei diritti umani.

    • BEIRUT

    Islamocristiani per superare il conflitto sunniti-sciiti

    Un nuovo percorso per promuovere una coesistenza pacifica tra popolazioni aderenti a diverse professioni di fede. Il Segretario Generale della Lega Musulmana Mondiale, Mohammad Al Issa si fa portavoce della disponibilità di Riyadh a sciogliere il nodo fondamentale alla base dell’attuale conflittualità mediorientale: quello della storica contrapposizione tra sunniti e sciiti.

    • COMUNISMO

    Hong Kong è sempre meno libera e sempre più cinese

    Gradualmente e senza dar troppo nell’occhio, Hong Kong sta perdendo la sua autonomia, fino ad essere assorbito completamente dalla Repubblica Popolare Cinese. Adesso tocca al Partito Nazionale di Hong Kong (Hknp) che aspira alla piena indipendenza dell’ex colonia britannica ed è stato sciolto d’autorità dal governo locale.

    • MULTICULTURALISMO

    Gran Bretagna, la piaga dei matrimoni forzati

    Migliaia di ragazzine ogni anno in Gran Bretagna "spariscono" e abbandonano la scuola perché sono costrette a tornare nei paesi d'origine per i matrimoni forzati. Lo denuncia l'associazione Karma Nirvana, secondo cui il numero è in costante aumento. E le istituzioni locali sono restie a collaborare per mettere un freno alla piaga.

    • ELEZIONI CON SORPRESA

    Le Maldive tornano democratiche. E amiche dell'India

    Pareva una storia con finale già scritto, l’ennesimo fallimento della democrazia islamica, l’ennesima dittatura asiatica. Invece no, alle Maldive c’è stato un finale a sorpresa, contro ogni pronostico. Nelle isole dell’Oceano Indiano, meta esotica di tanti nostri turisti, ha vinto Ibrahim Mohamed Solih, candidato dell’opposizione.

    • GERMANIA

    Lo 007 perde il posto. La Merkel rischia il governo

    Il caso dell'ex capo dei Servizi di sicurezza interni tedeschi Bundesamt für Verfassungsschutz, (BfV), Hans-Georg Maassen, rimosso dal governo per la sua supposta vicinanza con il partito Alternative fur Deutscheland (AfD), resta una spina nel fianco per l’esecutivo della cancelliera Angela Merkel, dopo l'ultima crisi dell'immigrazione.

    • GUERRA INFINITA

    Siria, raggiunta l'intesa fra Russia e Turchia

    Neppure l’abbattimento dell’aereo spia russo IL-20, a quanto sembra ad opera di missili antiaerei siriani, ingannati dalle contromisure elettroniche dei caccia israeliani, è riuscito a far saltare l’intesa tra Mosca e Ankara che sembra poter disinnescare la crisi nella provincia di Idlib. Si dovrà però combattere contro i guerriglieri qaedisti.

    • IMMIGRAZIONE

    Danimarca, "severità" contro i ghetti islamici

    Con un pacchetto di incentivi e sanzioni, la Danimarca mira a eliminare completamente le "no go zones", i ghetti di immigrati islamici, che ormai sono corpi estranei nelle città. Entro il 2030, gli immigrati dovranno integrarsi nella società danese, con le buone o con le cattive se necessario. La parola d'ordine è "severità", anche a sinistra.

    • DENUCLEARIZZAZIONE

    Le promesse della Corea del Nord alla prova dei fatti

    Martedì nuovo incontro storico in Corea. E’ la prima volta, infatti, che un presidente del Sud, Moon Jae-in, si è recato in visita di Stato a Pyongyang, per incontrarvi Kim Jong-un. Viene ribadito l'impegno alla denuclearizzazione della penisola. Saranno ammessi ispettori internazionali. Quanto è sincero Kim? Secondo l'Onu, non molto.

    • ME TOO ALLA CORTE SUPREMA

    Kavanaugh, la bomba ad orologeria dell'accusa di molestie

    Giovedì prossimo il Senato dovrà esprimersi sulla nomina del conservatore e pro-life Brett Kavanaugh alla Corte Suprema. E puntualmente scoppia la bomba ad orologeria dello scandalo sessuale. L'accusa una donna di una molestia che lo studente Brett avrebbe commesso nel 1982. Una storia senza prove e piena di contraddizioni.

    • USA

    Manafort, un colpevole per incastrare Trump

    Paul J. Manafort è un intrallazzone che l’FBI ha colto in castagna per evasione fiscale, ma solo questo lo accomuna ad Al Capone. Se Manafort non fosse stato il direttore della campagna elettorale di Donald J. Trump dal 20 giugno al 19 agosto 2016, nessuno infatti si ricorderebbe di lui. Oggi invece è al centro di un intrigo internazionale