• CINA

    Pechino fa a Taiwan l'offerta che non si può rifiutare

    Taiwan torna al centro dell’attenzione di Pechino. Con un discorso minaccioso, ma calmo, il presidente cinese Xi Jinping promette la riunificazione con l’isola “ribelle”, con le buone o con le cattive. La presidente taiwanese Tsai Ing-wen ha già respinto l'offerta al mittente. Taiwan resta anche l'ultima oasi di libertà di religione.

    • ELEZIONI

    Congo, la complicata fine dell'era Kabila

    Con due anni di ritardo si sono finalmente svolte le elezioni nella Repubblica democratica del Congo, che segnano comunque la fine dell'era dei Kabila. Ma tra brogli, corruzione, il virus Ebola che ha impedito il voto in alcune zone e i territori controllati dalle milizie ribelli, è ben difficile trovare motivi di soddisfazione. 

    • USA

    Immigrazione illegale, i primi risultati ottenuti da Trump

    Forse il completamento del muro di separazione tra USA e Messico è ancora lontano ma Trump non ha lesinato sforzi per contrastare l'immigrazione illegale negli Stati Uniti. Da ottobre 2017 a settembre 2018, sono stati ammessi negli Stati Uniti 3.500 rifugiati musulmani, contro 39.000 da ottobre 2015 a settembre 2016, quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama.

    • DOPO IL RITIRO USA

    Cambio di alleanze: i curdi siriani protetti da Assad

    Orfani degli americani, che ritireranno presto i 2mila militari che li hanno affiancati, i curdi di Siria devono farsi “proteggere” da Assad per non finire tra le fauci di Erdogan. Il ritiro delle truppe Usa dalla Siria è il segnale inequivocabile di un cambio di alleanze in cui i curdi devono masticare amaro rinunciando ai sogni di indipendenza.

    • NUOVA GUERRA FREDDA

    Armi nucleari, si punta sulla velocità (per la deterrenza)

    Putin ha presenziato al test del missile ipersonico Avangard. Può volare a quasi 25mila km/h, rendendo vano ogni tipo di scudo aereo. Ma anche Cina e Usa si stanno attrezzando per la sfida dei missili ipersonici. La velocità diventa l’elemento più importante per mantenere una deterrenza credibile di questa nuova guerra fredda. 

    • TERRORISMO

    Al Qaeda vuole rilanciarsi con un attentato contro aerei

    Mentre l'Isis è sempre più alle corde, Al Qaeda può ben presto rialzare la testa. E il suo primo attacco terroristico avverrebbe nel Regno Unito contro aerei di linea e aeroporti. Questo, almeno, è l'allarme lanciato dal ministero britannico della Sicurezza. Un nuovo 11 settembre?

    • GERMANIA

    La giustizia tedesca riconosce nozze minorili

    La Corte Federale di Giustizia tedesca ha stabilito che una nuova legge che vieta il matrimonio con minori è incostituzionale perché tutti i matrimoni, compresi i matrimoni infantili contemplati dalla shari'a, sono protetti dalla legge fondamentale tedesca. Un precedente pericoloso.

    • GUERRA INFINITA

    Siria, gli Usa abbandonano i curdi e tornano a casa

    Trump annuncia il ritiro delle truppe americane dalla Siria. Sarà un disimpegno "rapido e completo", nonostante la contrarietà del Pentagono che vorrebbe mantenere uomini sul campo per non lasciare spazio all'Iran e a un eventuale ritorno dell'Isis. Per i curdi è una pugnalata alla schiena, perché saranno abbandonati ancora 

    • IL CASO

    Jihadisti, amici di Che Guevara

    Nell'intervista concessa alla tv francese, i genitori del terrorista di Strasburgo si sono presentati come perfetti salafiti, ma il padre - Abdelkrim Chekkat - aveva anche un cappellino di Che Guevara. Quali strani legami ci sono tra jihadisti e il Che?

    • INTERVISTA A SUOR MARCELLA

    Haiti: «Aiutateci, hanno attaccato l'orfanotrofio»

    Il drammatico racconto della religiosa francescana e di un'oasi di pace che disturba quanti sono interessati a fare del paese un inferno: «Il 13 di novembre le bande armate erano entrate nelle case saccheggiando e uccidendo. Sono morte 90 persone, poi la situazione si è stabilizzata. Ma settimana scorsa, per tre notti consecutive, i guerriglieri sono venuti in orfanotrofio e hanno rubato tutto, persino i letti dei bambini».

    • ISLAM

    Olanda, la colonizzazione culturale di Erdogan

    L'Olanda è stata teatro di diversi tentativi di attentati terroristici jihadisti nell'ultimo periodo. Benché questi non abbiano avuto successo, l'islamizzazione del paese procede in modo graduale ma inesorabile. Alle spalle del processo di diffusione dell'islam più radicale c'è soprattutto la Turchia di Erdogan, che finanzia e controlla le moschee e ispira il partito Denk.

    • ONU

    Patto sui rifugiati, un altro macigno sull'Occidente

    Dopo il Patto globale sull'emigrazione, presentato all'Onu quello sui rifugiati, due parti di uno stesso disegno. Oltre ad abolire la distinzione tra profughi e migranti economici, il peso dell'assistenza viene ancor più fatto gravare su Europa e Stati Uniti, che già coprono l'86% dei fondi Onu per i rifugiati.