• FILIPPINE

    Marawi: padre Chito è libero dai suoi rapitori jihadisti

    Almeno una buona notizia da Marawi, la città filippina tenuta in ostaggio dai jihadisti: padre Chito, rapito il 23 maggio, è stato liberato dall'esercito. La brutta notizia, però, è che la battaglia con gli jihadisti continua. E la città, ormai, è distrutta e "sembra Aleppo".

    • QATAR

    Jihad e Finanza, ecco chi alimenta la rete del terrore

    Come la Fratellanza Musulmana sta infiltrando da decenni la finanza europea. E come l'emirato del Qatar sta dando sostegno economico a gruppi terroristici quali Al Qaeda e Isis. Ecco il piano di lungo termine per "tenere vivo" il jihad in Europa e in tutto il mondo.

    • TERRORISMO

    Bomba in metropolitana, terrore a Londra

    La prima notizia parlava di “esplosione” nella metropolitana di Londra. A mezzogiorno ora italiana è arrivata la parola che tutti si aspettavano e temevano: terrorismo. Per fortuna, in questo caso, si è trattato di un attentato fallito, senza vittime. Ma poteva essere una strage.

    • CONTINENTE NERO

    Africa, la nascita di un ceto medio locale

    Crescono gli investimenti in Africa, in paesi stabili come il Ghana e non solo. Perché il "continente nero" è in crescita da anni. Con l'aumento del Pil, diventa più numeroso un nuovo ceto medio. Che però è quello che emigra verso l'Europa, perché appartenere alla classe dei nuovi ricchi non è facile come sembra.

    • TERRORISMO

    Jihadisti in Europa: in 50mila pronti a colpirci

    Un esercito potenziale di 50.000 uomini pronti a colpire l'Europa. La statistica sui potenziali terroristi nel Vecchio Continente, la metà dei quali si trova nel Regno Unito, è stata illustrata da Gilles de Kerchove, coordinatore dell'antiterrorismo di Bruxelles. 

    - LONDRA, BOMBA IN METROPOLITANA

    • CORTE SUPREMA

    Dopo nove mesi, il "Ban" di Trump vede la luce

    Il decreto di Donald Trump che chiude temporaneamente le frontiere degli Usa a sei paesi a rischio, entra in vigore. Lo ha deciso la Corte Suprema, dopo una lunga battaglia giudiziaria sulla costituzionalità del provvedimento.

    • DEIR EZZOR

    Siria, Isis in rotta e i vincitori se le danno fra loro

    L'Isis, in Siria, è alle corde: braccato a Raqqa dalle forze curde e rivoluzionarie siriane appoggiate dalla Coalizione, quasi battuto a Deir Ezzor per mano di regolari siriani e russi. Ma non c'è tempo per festeggiare: le forze curde stanno stornando truppe verso Deir Ezzor. Si rischia uno scontro fra curdi e regolari, per conto delle grandi potenze: Usa contro Russia.

    • DEMOCRAZIA AFRICANA

    Voto in Kenya, osservatori internazionali più realisti del re

    L'8 agosto il Kenya aveva votato il suo nuovo presidente. L'esito elettorale, contestato da manifestazioni violente, poteva dare adito a una seconda guerra civile in dieci anni. Invece la Corte Suprema ha annullato l'esito e a ottobre si tornerà pacificamente alle urne. E' la prima volta che succede in Africa. Ma non grazie agli osservatori di Unione Africana, Unione Europea e del Centro Carter americano, che si erano affrettati a parlare di "voto regolare". E ora cercano di rimediare plaudendo la decisione di tornare al voto.

    • ISIS IN ROTTA

    Deir Ezzor liberata dai siriani. Ed è una buona notizia

    L'esercito regolare siriano, con l'appoggio aereo russo, libera Deir Ezzor (nella Siria orientale) dal lunghissimo assedio dell'Isis. La battaglia sarà ancora lunga, ma intanto un primo contatto con gli assediati è stato stabilito. E' l'ultima grande sconfitta dell'Isis. Ma in Occidente pochi festeggiano: una vittoria russo-siriana è vista con imbarazzo, se non invisa.
    • IMMIGRAZIONE

    Negli Usa, tolleranza zero sui minori contrabbandati

    Molti immigrati sono giunti negli Usa, dal Messico, letteralmente contrabbandati dai genitori. Per ora questa illegalità è stata tollerata e con la legge "Daca" Obama ha permesso ai "dreamers" (così sono chiamati dal nome della prima legge in materia) un soggiorno temporaneo di lavoro. Trump ha cancellato questa illegalità legalizzata e passa la palla al Congresso. 

    • FILIPPINE

    Marawi, gli jihadisti minacciano gli ostaggi. E il Papa

    Cadono le roccaforti dei guerriglieri jihadisti a Marawi, la città delle Filippine occupata dal movimento islamico Maute (legato allo Stato Islamico) il 23 maggio scorso. Paura per gli ostaggi, fra cui padre Teresito "Chico" Suganob. I jihadisti minacciano di usarli come bombe umane. E intanto, nei loro video di propaganda, minacciano la Chiesa, Roma e il Papa.

    • L'ATOMICA

    La Corea del Nord e la guerra impraticabile

    Il sesto test nucleare della Corea del Nord provoca due terremoti e dà al mondo la certezza che il regime stalinista di Pyongyang ha ormai bombe termonucleari dalla potenza di 100 kilotoni, cinque volte tanto l'ordigno di Hiroshima. Il nucleare più i missili: la Corea del Nord ha il suo deterrente.