• ELEZIONI

    Spagna in crisi: la sinistra vince, ma non stravince

    Con le terze elezioni parlamentari in 4 anni, la Spagna ha confermato il Partito Socialista Operaio di Pedro Sanchez. Fiducia sì, ma con giudizio: non avendo la maggioranza assoluta, il leader socialista dovrà negoziare coalizioni con altri partiti, fra cui gli indipendentisti catalani. Emerge Vox, partito sovranista, e crollano i Popolari.

    • REPUBBLICA CENTRAFRICANA

    La battaglia di padre Gazzera per fermare i predatori d’oro

    Nonostante la guerra, nella Repubblica Centrafricana proseguono le attività di contrabbando delle materie preziose, complice la diffusa corruzione. Dall’inizio del 2019, delle imprese cinesi hanno aperto almeno 17 cantieri per estrarre l’oro nel fiume Ouham, deviandone il corso, inquinando l’acqua e impoverendo la popolazione. A raccontare lo scempio che sta avvenendo, rischiando la sua incolumità, è il missionario carmelitano Aurelio Gazzera.

    • DOPO LA STRAGE

    Lo Sri Lanka scopre di essere terra di jihadisti

    Persiste lo stato di massima allerta nello Sri Lanka, a una settimana dagli attentati jihadisti che il giorno di Pasqua hanno provocato 253 morti. I terroristi braccati stanno provocando tanti altri morti. Secondo i servizi segreti, gli jihadisti legati all'Isis sono almeno 130 e sono molto più potenti di quanto immaginato.

    • NUOVA GUERRA FREDDA

    Moglie Usa, amante russa: Kim ed Erdogan guardano a Putin

    In questi ultimi tre giorni, la Corea del Nord e la Turchia, per motivi molto differenti, ma in base alla stessa logica, si stanno rivolgendo alla Russia per aggirare le difficoltà poste dagli Stati Uniti. È la logica della nuova guerra fredda.

    • ELEZIONI DEL 2020

    Joe Biden, il cattolico "adulto" che sfida Trump

    Joe Biden ha annunciato ieri la sua candidatura alle primarie del Partito Democratico degli Stati Uniti. Vuole sfidare Donald Trump nel 2020. Si presenta come un candidato anziano, esperto e rassicurante. E' irlandese cattolico. Ma un cattolico "adulto": pro-aborto, pro-nozze gay e per la scuola statale. 

    • ESCALATION

    Fra Usa e Iran è guerra di sanzioni e di minacce

    Si è innalzato in questi giorni il livello di scontro fra Stati Uniti e Iran. A pagarne le conseguenze saremo certamente anche noi italiani, fin da subito, con un rialzo dei prezzi del petrolio. Ma è anche possibile, per il prossimo futuro, una recrudescenza del terrorismo islamico di matrice sciita, anche al di fuori del Medio Oriente.

    • MARTIRI

    Per non dimenticare i giusti nel genocidio del Rwanda

    Nel 25° anniversario del genocidio del Rwanda, più di 800.000 morti in appena tre mesi, non si devono dimenticare neppure i giusti. Coloro che, a rischio della loro vita o perdendola, salvarono i Tutsi dalla furia sterminatrice degli Hutu. E neppure coloro che andarono incontro alla morte con sovrumana serenità. 

    • SRI LANKA

    Islamisti responsabili e cristiani vittime. Ma non si può dire

    Mentre emerge chiara la responsabilità del gruppo islamista National Thowheed Jamath nella serie di attentati del giorno di Pasqua, che hanno provocato 321 morti e oltre 500 feriti, in una Europa dominata dal "politicamente corretto" si registra un evidente imbarazzo nell'affermare responsabilità e obiettivi dei terroristi. Da Barack Obama a padre Spadaro anche una carrellata di "tweet della vergogna". Resta la domanda sul perché i cristiani siano stati l'obiettivo in un paese a maggioranza buddhista.

    • UCRAINA

    Zelensky, il mistero del comico eletto presidente

    Volodymyr Zelensky ha vinto le presidenziali ucraine con uno spettacolare 73%. E’ la prima volta che un comico che interpreta la parte del cittadino qualunque che diventa presidente per caso, realizza nella realtà quel che aveva appena finito di interpretare nella fiction. Ma adesso che cosa farà dell'Ucraina. Gli indizi sui suoi intenti sono rari.

    • SCELTE SBAGLIATE

    Libia, l'Italia si fa ricattare dai Fratelli Musulmani

    Libia, il presidente al Sarraj torna a minacciare l'Italia se solo il governo Conte torna a parlare con Haftar. Sarraj minaccia di mandarci 800mila clandestini e nelle galere libiche ci sono anche 500 terroristi dell'Isis. Il problema è la condiscendenza del governo, che sostiene un regime sponsorizzato dai Fratelli Musulmani e dal Qatar. 

    • BIELORUSSIA

    Kourapaty, la foresta delle croci a rischio distruzione

    Kourapaty è una foresta in Bielorussia che ai tempi di Stalin era luogo di esecuzioni di massa. Spontaneamente, in mezzo agli alberi, sono state piantate croci per ricordare le vittime. Il presidente Lukashenko (al potere dal 1994) ha però deciso di distruggerle "per la legalità". La Chiesa locale lancia un appello per salvare le croci.

    • ALLEATI

    La Nato a 70 anni genera più problemi che soluzioni

    L’Alleanza Atlantica compie 70 anni e non è più in splendida forma. Il meglio di sé lo ha dato nei suoi primi 40 anni, garantendo la pace e la libertà in Europa e impedendo con la deterrenza dello scudo nucleare statunitense che la guerra fredda diventasse caldissima. Ma oggi genera più problemi che soluzioni.