• IL LIBRO

    Moderati senza identità e ignari del loro potere

    Dopo Tangentopoli l'area moderata è sempre più difficilmente identificabile e destinata a soccombere. Nel suo libro Il brutto anatroccolo il giornalista Andrea Camaiora spiega perché continuano a perdere quelli che dovrebbero vincere.

    • IMMIGRAZIONE

    La compagna Boldrini chiama i clandestini

    La "papessa" di Montecitorio sarà domani in Sicilia ed ha anticipato in una intervista i contenuti del suo discorso ai rifugiati: sarà un benvenuto da parte dello Stato che suona tanto come favoreggiamento dell'immigrazione irregolare. Un'incosciente apertura delle porte che non tiene conto delle reali possibilità del nostro paese.

    • POLITICA

    Le riforme appese al processo Ruby

    Il processo Ruby contro Berlusconi che si apre domani in Corte d'Appello potrebbe avere effetti politici clamorosi in caso di condanna. A rischio è l'accordo sull'Italicum mentre prende quota un accordo Pd-grillini sulla legge elettorale.

    • UNIONI CIVILI

    Renzi e la pillola di Mary Poppins

    Il presidente del Consiglio cambia strategia: accantona (temporaneamente) il disegno di legge sull'omofobia e punta dritto al riconoscimento delle unioni gay che, per come sono descritte nel progetto di legge, sembrano tanto un matrimonio.

    • GOVERNO

    Unioni gay, cambia la strategia non l'obiettivo

    Quello di Renzi è un semplice cambio di strategia: tenere fermo il contestato disegno di legge sull'omofobia e fare approvare già a settembre il progetto di legge sulle unioni gay. La risposta può venire solo dal di fuori del Palazzo.

    • POLITICA

    Con Renzi un'altra spinta statalista

    L'annunciata riforma della Pubblica amministrazione è all'insegna del controllo centralizzato. Si tagliano le istituzioni sul territorio ma non si toccano le burocrazie parassitarie accumulatesi a Roma. E anche per la libertà di educazione...

    • GIUSTIZIA

    Responsabilità dei giudici, forse è la volta buona

    Un emendamento della Lega Nord passa con il voto di 187 deputati e manda in minoranza il governo. A parte la sconfitta politica di Renzi, l'argomento dell'emendamento è di quelli forti: responsabilità civile dei magistrati, votata nel referendum del 1987 e mai realmente applicata. Ora che si riapre il dibattito, forse è la volta buona di allinearci alle norme europee.

    • POLITICA

    Amministrative, l'astensionismo dei moderati

    Un elettore su due non è andato a votare al ballottaggio delle amministrative. I moderati sono i maggiori delusi. Sorprese anche nel Pd che perde Livorno e Padova (vinte da M5S e Lega). Ma la vera crisi è nel centro-destra.

    • RIFORME

    Chi non vuole riqualificare la Rai

    Renzi propone una razionalizzazione della Rai, la tv pubblica che conta 11.500 dipendenti, più di tutti quelli delle tv private messe assieme. Una ristrutturazione è necessaria, ma si scontra con una serie di interessi consolidati.

    • OPPOSIZIONE

    Caos calmo nel centrodestra

    Dopo la sconfitta elettorale, non c'è un'opposizione unita contrapposta a Renzi. Il centrodestra è diviso in almeno quattro anime: la destra (Salvini e Meloni), i berlusconiani in crisi, gli alfaniani che non decollano e Passera che si prepara.

    • GAFFE

    Mandiamo una nave spia nel Mar Nero e il governo non lo dice

    L'Elettra, nave spia fra le più moderne della Marina italiana, si sta dirigendo verso il Mar Nero, per intercettare le comunicazioni russe. E questo mentre il governo Renzi si ripromette di dialogare con Mosca. Nonostante il tentativo di tenere segreta l'operazione, la notizia è emersa.

    • DIPLOMAZIA

    Marò in India, la pazienza è agli sgoccioli

    Qualcuno lo chiama un "urlo", l'appello lanciato da Latorre e Girone, in videoconferenza con il Parlamento dall'India. Dopo più di due anni di prigionia senza processo, la pazienza è agli sgoccioli. Qualche apertura arriva da New Delhi.