• LA CRISI ISTITUZIONALE

    Tocca a Cottarelli, ma è già campagna elettorale

    Lo scontro istituzionale in atto tra il Quirinale e i partiti usciti vincitori dalle elezioni del 4 marzo produce un esito inevitabile: l’affidamento dell’incarico di formare il nuovo governo all’economista Carlo Cottarelli. Si pensa già alla campagna elettorale ed è iniziata la corsa al riposizionamento da parte dei singoli parlamentari, molti dei quali rischiano di non essere più ricandidati o di non essere rieletti.

    • DECIDE MATTARELLA

    Fine del governo: Conte se ne va. Il voto si avvicina

    Il professor Giuseppe Conte ha rimesso il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica. A far naufragare il suo tentativo il veto del Quirinale sul nome di Paolo Savona, proposto con forza da Lega e Cinque Stelle per il ruolo di Ministro dell’Economia. Ora si può formare un "governo del presidente", ma è scontro aperto.

    • GIUSTIZIALISMO

    Manette e spie: un governo giacobino giallo-verde

    Mentre l'attenzione dell'opinione pubblica è concentrata sulla scelta del ministero dell'Economia, forse non ci rendiamo conto che il programma del nuovo governo su giustizia e lotta alla corruzione è la summa del giustizialismo: potenziare le intercettazioni, sì agli agenti sotto copertura, valutare gli agenti provocatori. Giacobinismo 2.0

    • SOLIDARIETA' PELOSA

    Cosa vuol dirci Juncker sui "diritti degli africani"

    Jean Claude Juncker, presidente della Commissione Ue, si dice preoccupato per la tutela dei diritti degli africani in Italia, a causa del nuovo governo incaricato. Ma perché proprio gli africani? E perché ignorare la questione dell'illegalità dei clandestini? Forse perché nello stesso incontro ha promesso altri aiuti all'Unione Africana.

    • CONSULTAZIONI

    Il governo non è nato, è già sotto assedio

    C'è una straordinaria concentrazione di poteri protesi verso il boicottaggio del nascente esecutivo italiano. Basta leggere i commenti della grande stampa nazionale e internazionale.

    • L'INCARICO

    Il nuovo governo giallo-verde alla prova del Conte

    Dopo i numerosi colpi di scena, Giuseppe Conte, giurista, scelto da Lega e M5S, ha ricevuto l'incarico dal presidente Mattarella. Dopo un colloquio insolitamente lungo, ha dichiarato che sarà "l'avvocato di tutti gli italiani" e ha ribadito la collocazione europea e internazionale dell'Italia. Opposizione contrariata. Mercati in attesa...

    • CONSULTAZIONI

    Ecco a voi il governo Conte. Ma a Mattarella non piace

    Giuseppe Conte è il giurista indicato da Lega e M5S quale premier del nascente governo. Mattarella, tutt'altro che entusiasta, si è preso ufficialmente 48 ore per decidere. Ad insospettire il presidente è la procedura irrituale della nomina: prima è stato elaborato un programma vincolante poi è stato scelto il premier, suo esecutore

    • IL NODO POLITICO

    Politica estera, scoglio per il nuovo governo

    Bisognerà capire quanto, nell’eventuale governo Lega-Cinque Stelle, la scelta unilaterale di far decadere le sanzioni alla Russia potrà risultare compatibile con la permanenza dell’Italia nell’Alleanza Atlantica. Perfino il presidente ungherese Orban non aveva mai manifestato un intento così netto di cancellazione delle sanzioni.

    • LA CRISI POLITICA

    Europa e mercati, le solite speculazioni anti italiane

    Mentre la trattativa Lega-Cinque Stelle sul contratto di governo, pur tra mille smentite e colpi di scena, sembra al rush finale, riesplode la polemica sulle ingerenze europee nella politica italiana. Cancellerie di mezza Europa e giornali si stanno scatenando contro i “nuovi barbari”. Le solite speculazioni. 

    • CHIESTO TEMPO

    Stallo sul governo, ancora distanze tra Lega e M5S

    E’ vero che in Germania hanno impiegato cinque mesi per fare un governo di coalizione. Tuttavia, l’entusiasmo che circonda il tentativo di Lega e Cinque Stelle di dar vita a un “governo di cambiamento” non è infinito. Gli elettori di quei due partiti chiedono risposte e certezze. Forse a nessuno conviene tirare troppo la corda.

    • PRESIDENZIALISMO DI FATTO

    Il presidente interviene a gamba tesa sul governo

    Mattarella, solitamente poco interventista e "notarile" nei suoi anni di presidenza, ora non fa mistero di non gradire la coalizione di governo Lega-M5S. E fra i due non gli piace la Lega, in particolar modo. In linea con Cossiga, Scalfaro e Napolitano, interviene sempre più nella politica. Ma siamo diventati una repubblica presidenziale?

    • LA RIABILITAZIONE

    Il ritorno a sorpresa di Silvio, l'immortale della politica

    Oltre alle trattative per un governo fra Lega e 5 Stelle, la vera notizia è il ritorno di Silvio Berlusconi. Ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Milano la “riabilitazione”, quella che cancella tutti gli effetti della condanna che aveva subito nel processo sui diritti tv Mediaset. Ora è di nuovo candidabile. Punterà a tornare alle urne?