• SOLLEVARE LO SGUARDO

    GIORNATA DELLA BUSSOLA - IN DIRETTA

    • Caso Becciu

    Il giallo del bonifico da 700mila durante il processo Pell

    Stando alle ricostruzioni giornalistiche, monsignor Perlasca avrebbe parlato alla magistratura vaticana di un bonifico di 700 mila euro versato su un conto australiano all’epoca del processo a Pell, con il quale Becciu aveva diversità di vedute. L’ex Sostituto replica definendo “plateali falsità” le accuse del suo ex collaboratore alla Segreteria di Stato

    • FEDE VS SENSO CIVICO

    Lo "stupidario" ecclesiastico in tempi di Covid-19

    Da Novellara (Reggio Emilia) a Trento, passando per Milano, parroci e diocesi hanno dato indicazioni insensate, oltre che ridicole, sulla ricezione dei sacramenti. Si va dal cotton fioc per la Cresima al convivente/congiunto che dà la Comunione al malato al posto del prete ritenuto di per sé più contagioso. Ecco a voi il nuovo vangelo.

    • CALIFORNIA

    Se l’università cattolica cela la statua di san Junípero

    Lo scorso luglio, nelle settimane più calde della furia iconoclasta guidata da Black Lives Matter, l’Università di San Diego aveva deciso di mettere per prudenza la statua di san Junípero Serra nel proprio deposito. Siamo a ottobre e ancora non si sa se e quando la scultura verrà ritirata fuori. Si tratta di paura o asservimento al politicamente corretto?

    • SCONTRO SULLA CINA

    Pompeo a Roma, aria di Guerra Fredda Usa-Vaticano

    Atteso oggi nella capitale il segretario di Stato americano. Oltre agli incontri con Conte e Di Maio, il braccio destro di Trump vedrà domani Parolin. Sul viaggio diplomatico pesa il “no” all’udienza con Francesco: la Santa Sede lega il rifiuto alle presidenziali in corso, ma molti lo interpretano come una risposta all’editoriale di Pompeo contro l’accordo sino-vaticano

    • SOLLEVARE LO SGUARDO

    Sabato 3 ottobre: tutti alla Giornata della Bussola

    Mancano pochi giorni alla Giornata della Bussola. Le norme anti-Covid non ci impediranno di riunirci, anche quest'anno, per una ricca serie di incontri dal tema: "Sollevare lo sguardo" (Leggi il programma completo). Per consentire a tutti i nostri lettori di partecipare, nonostante le limitazioni in corso, quest'anno avremo un'apposita regia che curerà l'intera diretta streaming dell'evento, offrendo anche interviste e contributi speciali per tutti coloro che non potranno essere presenti.

    • L'INDAGINE IN PIEMONTE/3

    Affare Affido: che business il dramma dei minori strappati

    Il Piemonte spende 56 milioni di euro all’anno per l’allontanamento di minori, mentre un bambino può costare anche 400 euro al giorno. Leggendo le drammatiche storie emerse dall'indagine sul sistema affidi cresce il dubbio sul business: l'ingiusto e forzato allontanamento dalla madre di una adolescente è costato 90mila euro; un professionista accusato di abusi sulla figlia dall'ex moglie è risultato innocente dopo 4 anni, ma l'“operazione” è costata più di 100mila euro. «Più bimbi vengono assegnati, più fondi vengono stanziati e più personale ci lavora». 
    - 1/MINORI ALLONTANATI E DATI AI GAY
    - 2/FARE LUCE SULLE FAMIGLIE TRADITE

    • INTERVISTA A BERTELLI

    «Vi parlo di Endovirstop, lo spray italiano anti-Covid premiato a Praga»

    Si chiama Endovirstop, è un prodotto basato su una molecola naturale a basso costo che ha il fine di prevenire le infezioni virali respiratorie, Covid-19 incluso. È stato sviluppato da una start-up italiana, Ebtna-Lab, guidata dal genetista Matteo Bertelli, che sabato è stato premiato al Congresso europeo di Biotecnologie di Praga per il «miglior prodotto anti-Covid». Eppure l’Aifa non si era dimostrata interessata, e diversi studi di sicurezza ed efficacia sono stati condotti all’estero. «Lo spray veicolerà il principio attivo direttamente nelle vie respiratorie» e può rendere superfluo il vaccino. La Nuova Bussola ha intervistato Bertelli.
    - L'EPIDEMIA COME POLITICA, IL CORONAVIRUS SPIEGATO DA AGAMBEN, di F. Piemonte

    • L'INDAGINE IN PIEMONTE/2

    Bimbi strappati e famiglie tradite: fare luce sugli affidi

    Dal report della Regione Piemonte sugli affidi emerge che a determinare l'allontanamento forzato di un minore dai genitori è spesso un pregiudizio non fondato sulla loro capacità genitoriale. Le drammatiche storie di bambini strappati e famgilie tradite che si sono rivolte ai servizi per essere aiutate e si sono viste sottrarre i figli, poi finiti in comunità dove hanno trovato luoghi di violenza e abbandono. Il Garante per i minori della Regione è al lavoro per fare luce sulla regolarità di quegli affidamenti. 

    • L'INDAGINE IN PIEMONTE/1

    Ci risiamo: minori allontanati senza motivo o affidati a gay

    Minori allontanati senza prove di abuso, bambini affidati a coppie gay, mamme private dei figli senza alcuna motivazione, famiglie letteralmente distrutte. E soprattutto una montagna di soldi. La Regione Piemonte pubblica l'indagine sul sistema degli affidi nata a seguito dei fatti di Bibbiano. I risultati sono sconcertanti. L'assessore Marrone alla Bussola: «Abbiamo trovato storie inquietanti. Solo il 14% degli allontanamenti motivato da abusi, il 56% dei minori via dalle dalle famiglie solo per indigenza, commissioni di vigilanza senza sanzioni, giudici collegati alle strutture residenziali e la Hansel & Gretel ancora abilitata». 

    • RESTRIZIONI DA COVID

    Boom di nati morti, l’altra faccia del lockdown

    Studi pubblicati di recente su riviste di ambito medico come Lancet e Jama mostrano un aumento preoccupante di nati morti (India, Nepal, Regno Unito i casi in esame) durante il periodo di chiusure generalizzate legate al Covid-19. L’eccessivo clima di paura, le forti limitazioni agli spostamenti e i disagi ai servizi sanitari, compresa la cancellazione di controlli durante la gravidanza, tra le spiegazioni indicate dai ricercatori

    • IL PIANO

    Immigrazione, da Bruxelles a Roma nuove politiche suicide

    Le novità sul tavolo del dibattito politico a Bruxelles come a Roma non inducono certo all’ottimismo chi auspicava una posizione più ferma a contrasto dei flussi illegali. Invece di stabilire il principio che chi può chiedere asilo lo deve fare attraverso i canali da sempre attivati dagli organismi internazionali, la Ue continua a consentire a chiunque paghi criminali di giungere in Europa.