• ALLARMISMO INUTILE

    Inter-Covid 1 a 0. La festa dello scudetto non ha aumentato i contagi

    Inter batte Covid 1 a 0. La grande festa per lo scudetto dei nerazzurri, in Piazza Duomo a Milano, non ha provocato alcun nuovo focolaio. I dati sui contagi, sulle ospedalizzazioni e sui decessi continuano ad essere in calo, come se la grande festa milanese non fosse mai esistita. Era ampiamente prevedibile, visti i precedenti (Napoli, soprattutto), eppure per giorni i virologi e altre categorie di esperti, prontamente consultati da tutti i grandi media, avevano previsto una catastrofe. Questo è solo l’ultimo esempio, in ordine di tempo, di come viene gestita la comunicazione sulla pandemia, per creare un allarme continuo.

    RIAPERTURE, MA AL RALLENTATORE di Ruben Razzante

    • RISVEGLIO DELLE COSCIENZE

    "No ai vaccini da feti abortiti!". Un appello eroico ai cristiani

    Un appello di tante donne, attiviste pro-life; donne che stanno spronando i cristiani di tutti il mondo e gli uomini dalla coscienza retta a resistere ai vaccini contaminati dall’aborto. La dottoressa Wanda Półtawska, amica e confidente di Giovanni Paolo II, miracolata da Padre Pio, è la prima firmataria.

    English Español
    • TERREMOTO EDITORIA

    Cairo perde la causa con Blackstone. Ora dovrà cedere il Corriere?

    Non si tratta solo di una vicenda immobiliare. I suoi effetti potrebbero scatenare un terremoto nel mondo dell’editoria e in particolare sulla proprietà del quotidiano più importante d’Italia. Il Corriere della Sera, infatti, potrebbe cambiare assetti proprietari. Ecco come e perché.

    • IL FENOMENO

    Francia, avanza la scristianizzazione. E l’islam pure

    Secondo l’Insee, il 21,5% dei neonati in Francia ha ricevuto nel 2019 un nome arabo. Questi dati si spiegano non solo con l’immigrazione e la natalità, ma anche con le conversioni all’islam. Invece il cattolicesimo assiste a profanazioni, attentati, incendi di chiese, ecc., oltre alla frequente chiusura dei luoghi di culto, frutto di una scristianizzazione sempre più marcata.

    • MILANO / RESTIAMO LIBERI

    La verità per restare liberi. Migliaia in piazza contro il Ddl Zan

    Migliaia di persone ieri pomeriggio a Milano, in Piazza Duomo, per partecipare a Restiamo Liberi e dire no al Ddl sulla cosiddetta omotransfobia. Molti gli interventi, perlopiù di membri dell’associazionismo pro famiglia, oltre ad alcuni politici. Una piazza di persone comuni, bistrattate dai grandi media e che chiedono solo cose normali: poter continuare a difendere la famiglia naturale, senza finire in carcere, ed educare liberamente i propri figli.

    • I VENERDì DELLA BUSSOLA

    La Guerra di Gerusalemme

    Una nuova puntata dei “Venerdì della Bussola”. Argomento: la nuova guerra scoppiata tra israeliani e palestinesi.  Intervengono: Graziano Motta, giornalista; Stefano Magni, giornalista.

    • L'APPELLO

    Vaccini ai bambini: benefici nulli, con l'incubo dei rischi

    Da diversi giorni si parla dell’estensione della vaccinazione ai bambini con la Pfizer già in pole position. L'appello di varie associazioni mediche a non procedere con una campagna che non porterebbe nessun beneficio ai piccoli in età pediatrica, ma li esporrebbe al rischio di eventi avversi a lungo termine. 

    • LE RADICI STORICHE

    Il ddl Zan è la “Bibbia” del totalitarismo relativista

    Il disegno di legge Zan rappresenta l'estremo stadio di una continua pressione per la limitazione del principio di libertà di espressione in atto da più di mezzo secolo ad opera della sinistra, intenta a delegittimare e criminalizzare tutti i suoi avversari. Prima ha usato l'antifascismo come clava per criminalizzare tutti quelli che erano anticomunisti. Poi, nel post-guerra fredda, ha subìto una mutazione genetica passando dal collettivismo comunista al progressismo relativista, imperniato sul multiculturalismo e su un'idea radicalmente soggettivistica dei diritti individuali. Ora, il culmine del processo di relativizzazione integrale della cultura civile viene raggiunto con l'imposizione dogmatica della dottrina gender
    - LA "ZAN" INGLESE ACCUSA DI TERRORISMO IL PASTORE di Benedetta Frigerio

    • COVID AT HOME

    Migliaia i medici in piazza, mentre l'Ordine apre procedimenti

    Riuscita la manifestazione del comitato per le cure domiciliari precoci che ha portato in Piazza del Popolo a Roma migliaia tra medici e pazienti guariti per testimoniare la bontà delle cure precoci e chiedere ascolto al Ministero per la revisione del protocollo. Intanto però l'Ordine dei medici ha aperto un procedimento verso alcuni medici colpevoli di aver detto che il Covid si cura. 

    • COVID

    Vaccini e infertilità, i ricercatori lanciano l'allarme

    Dopo le parole di Roxana Bruno su vaccini Covid e rischio fertilità, l'allarme arriva da Janci Chunn Lindsay che in passato lavorò allo sviluppo di vaccini contraccettivi: a causa della somiglianza tra le sincitine e la proteina spike di SARS-CoV-2, le risposte anticorpali indotte dal vaccino potrebbero innescare una reazione crociata, causando effetti collaterali che interessano la riproduzione. Anche il virologo Bill Gallaher conferma i sospetti e sottolinea i già numerosi casi di aborti spontanei e irregolarità mestruali in donne vaccinate. 
    - MEDICI IN PIAZZA, INTANTO L'ORDINE APRE PROCEDIMENTI di Andrea Zambrano

    English
    • FESTA DELLA MAMMA

    La mamma nasce ogni giorno. (Quello che la Zan non può cambiare)

    «Mi chiedo: se passasse la legge Zan forse non si festeggerebbe neppure la Festa della Mamma. La legge Zan direbbe che è discriminatorio parlare di "mamma", perché molti bambini vivrebbero con due papà. Per non parlare dell'utero in affitto o della cosiddetta "gravidanza solidale", dove la donna diventa una mamma senza l'amore e, dopo aver portato suo figlio per nove mesi dentro al suo grembo, se lo ritrova strappato via. La mamma non nasce “imparata”. La mamma non nasce perfetta. La mamma nasce ogni giorno. E allora: tanti auguri mamma». La lettera alla Bussola di una giovane figlia alla sua mamma. 

    • SCIENZA&FEDE

    Santi anti-Covid, uno studio che soffre di scientismo

    Un breve studio, basato su un sondaggio online, rivela che santa Rita, san Rocco e san Sebastiano sono ritenuti i più efficaci intercessori contro il Covid-19. Tra cenni interessanti e limiti metodologici, gli autori assimilano l’aiuto del Cielo alla magia, tradendo un approccio scientista che esclude il soprannaturale e il retto rapporto tra fede e ragione.