• SCONTRI TRA BIG PHARMA

    Ritardi e insuccessi: svelato il bluff sul "sacro" vaccino

    Dati su reazioni avverse, analisi critiche del post marketing, pubblicazioni che mettono in dubbio la reale efficacia dei diversi vaccini: emerge che siamo di fronte ad una guerra commerciale tra aziende produttrici, istituzioni europee e nazionali. L'abbandono dell'istituto Pasteur e Merck, i dubbi di efficacia sull'antidoto di AstraZeneca, i ritardi di Sanofi, le inadempienze della Pfizer: bisognerà ammettere che l'opinione pubblica è stata illusa. Solo i vescovi ci credono ancora "ciecamente". 

    English Español
    • GIORNATA DELLA MEMORIA

    La famiglia Ulma, trucidata per aver aiutato gli ebrei

    Durante l’occupazione nazista della Polonia circa un milione di polacchi, malgrado il rischio della pena di morte, aiutarono gli ebrei. Tra loro i coniugi Józef e Wiktoria, proclamati “Giusti tra le Nazioni”, massacrati con i loro sette bambini e otto ebrei a cui avevano offerto aiuto. La Chiesa cattolica ha iniziato nel 2003 il loro processo di beatificazione e, ad oggi, sono Servi di Dio. Ecco la loro storia...

    • IMMIGRAZIONE ILLEGALE

    «Io scafista, come Mosè». Storie di trafficanti di uomini

    Mentre sulle coste italiane anche ieri sono arrivate centinaia di immigrati irregolari, l'ONU richiama alla gravità del traffico clandestino di esseri umani che alle organizzazioni criminali transnazionali fruttano oltre 10 miliardi di dollari l'anno. Non solo la traversata del Mediterraneo, si tratta di reti complesse con decine di basi lungo rotte di terra che si estendono per migliaia di chilometri, con attività che vanno dalla contraffazione dei documenti al marketing. E chi fa il trafficante si sente anche un benefattore: «Realizzo sogni», dice il pakistano Kabir. E il siberiano Alexsandr: «Mosè è stato il primo scafista della storia, io sono come lui». E quelli che muoiono nel tragitto? «Conoscono i rischi e li accettano».

    Español
    • LA BATTAGLIA IN CORSO

    L'Est Europa resiste all'ideologia Lgbt contro l'Ue

    Gli assalti delle lobby Lgbt ai paesi europei continuano ma Repubblica Ceca, Romania, Lettonia ed Estonia combattono in difesa della famiglia naturale e del diritto dei bambini ad avere "un papà e una mamma", opponendosi alle identià diverse dal sesso biologico. Mentre in Romania l’attacco alle radici cristiane tocca il suo apice.

    • I NUOVI GIACOBINI

    Le carte sono maschiliste: cancellati re e fanti

    Indy Mellink sostiene che il fatto che nel gioco delle carte il re valga più della regina è «una sottile disuguaglianza che influenza le persone nella loro vita quotidiana». Così si è messa a produrne di nuove con figure di bronzo, argento e oro. Il presidente dell’associazione olandese del bridge ha plaudito all’iniziativa. Ecco la rivoluzione francese dell'era Obama.

    • L'INTERVISTA

    «Potenziamento e resistenza, i rischi ignoti del vaccino»

    «Le criticità dei vaccini anti-Covid sono legate a due fattori: il potenziamento della malattia e la vaccino-resistenza, i tempi rapidi a scapito dello studio dei rischi non ci permettono di escluderli». La Bussola intervista Loretta Bolgan, chimica farmaceutica di Rinascimento Italia. «L’efficacia non è ancora nota perché i vaccini sono stati testati d’estate, quando l’epidemia era già finita». C'è un rischio alterazione del DNA? «No, ma c'è un rischio di sviluppo di nuove malattie autoimmuni o degenerative». La variante inglese? «Il mutante inglese è comparso dopo l’inizio della campagna vaccinale, potrebbe essere una vaccino-resistenza».

    English Español
    • LA CAMPAGNA DOPO UN MESE

    Vaccino flop, il guru del governo evoca scenari da incubo

    Com’è la situazione dopo il primo mese di vaccinazione? Siamo in una situazione No Vax, nel senso che i vaccini proprio non ci sono. L'inadempienza della Pfizer fa emergere le falle organizzative e dimostra come il vaccination day sia stata una grande operazione propagandistica. Intanto però, il guru del governo Ricciardi, dalle colonne di Avvenire, evoca scenari bellici da incubo per costringerci a vaccinarci. Come ammassare 3000 persone in un palasport o inoculare l'antidoto direttamente dall'auto. Dimostrando di non conoscere le norme base della pratica vaccinale. 
    - VACCINO COME SACRAMENTO, ORA SI ESAGERA di Andrea Zambrano

    LOMBARDIA TORNA ARANCIONE, MA RESTA ROSSA DI RABBIA di Ruben Razzante

    • COME SALTA LA DEMOCRAZIA

    I democratici chiamano gli elettori di Trump terroristi

    Biden rimuove un generale dal suo incarico contro il procedimento democratico previsto. Un altro generale paragona gli elettori di Trump ai giovani partiti per la Siria a combattere con l'Isis e un funzionario dell'Fbi fa lo stesso. A che pro? Lo si capisce quando i giornali parlano di rieducare chi ha votato il repubblicano e Harvard considera di togliere le lauree ai suoi supporter. Le purghe continuano anche oltre la politica.

    • I VENERDì DELLA BUSSOLA

    SPECIALE USA: Perché Biden farà male al mondo (VIDEO)

    • MISTERO SUI CONTRATTI

    Vaccino sicuro? Boh, intanto i danni li pagheremo noi

    Il caso dei 23 anziani deceduti in Norvegia dopo la somministrazione del vaccino ha portato in evidenza l'insufficiente sperimentazione clinica causata dalla troppa fretta nella produzione del vaccino. Ma dai contratti che la Ue ha stipulato con le case farmaceutiche emerge che per eventuali danni, le case avranno il rimborso dei risarcimenti. 

    • LE DIRETTE DELLA BUSSOLA

    Vaccino. Si. No. Perchè? (VIDEO)

    • IL CASO ITALIA

    Record di morti, niente scuse: il governo deve risponderne

    1.076 morti ogni milione di persone. Il lugubre dato fa dell'Italia il secondo paese messo peggio in Europa e il terzo nel mondo. Abbiamo mandato in giro forze dell’ordine a sorvegliare bar e piste ciclabili, ma non abbiamo guarito chi si è ammalato. Il nostro “indice di severità” è pari a 79,6, in linea con dittature come quella venezualana. Colpa delle cure a base di solo paracetamolo e degli ostacoli messi all’uso di terapie efficaci. Occorrerebbe una commissione d’inchiesta per portare a galla tutte le deficienze della strategia governativa.