• SCHEGGE DI VANGELO

Gli incontentabili

A chi dunque posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: «Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!» Lc 7, 32-34

A chi dunque posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: «Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!». È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: «È indemoniato». È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: «Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!» Lc 7, 32-34 

Gli incontentabili! Non gli va mai bene nulla. Nel mondo, nella Chiesa, nella loro vita. Non gli va bene nemmeno Dio: al suo posto, loro farebbero assai meglio. Figurarsi la Chiesa! Invece, il Signore passa in mezzo a noi e si fa riconoscere attraverso le circostanze, liete o tristi che siano. Un incontro bello, una notizia felice, un avvenimento provvidenziale, una compagnia utile. Come pure una fatica, un dolore, un contrattempo, una vuoto. Gesù c’è, ci chiama e ci fa compagnia. È bello essere amici di Gesù anche se mangia e beve con i pubblicani e con i peccatori: allora possiamo proprio riconoscerlo come Amico! Allora tutto ci diventa utile. “Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio”, ci dice San Paolo. E oggi, che cosa capiterà?