• SCHEGGE DI VANGELO

Gli ultimi invitati

Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Mt, 20,9-13

Il padrone disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Mt,20,9-13 

Ci sorprendono gli ultimi arrivati in comunità. Si tratta di solito di gente curiosa e desiderosa che riempie sempre di nuovo la sala delle nozze. Il Vangelo parla di persone espressamente cercate e invitate. Altre volte si tratta di persone che sembrano arrivate in forza di una misteriosa chiamata. Così la vita ricomincia da capo. Ma non basta fare numero e riempire i buchi. La questione dell’abito nuziale indica che non si è invitati solo a venire a una festa, ma a parteciparvi con cuore e mente, coinvolgendosi con la novità incontrata. Una comunità si trasforma e diventa vera quando ciascuno accoglie con tutta la propria persona la novità dell’invito e la arricchisce con la sua libertà e iniziativa.