• L'ANTIDOTO

IL PARTITO DELLO SPIRITO

Al teologo Vito Mancuso non è andata giù la nomina del cardinal Angelo Scola ad arcivescovo di Milano e teme che lo Spirito Santo sia meno pluralista...

Angelo Scola

Al teologo Vito Mancuso, mio amico, non è andata giù la nomina di Angelo Scola ad arcivescovo di Milano, diocesi di Mancuso e di don Verzè (alla cui università Mancuso insegna). Essendo Scola di ascendenze cielline, giustamente Mancuso paventa la fine dell’era Martini e Tettamanzi, quando lo Spirito Santo, che è pluralista, poteva esprimersi al meglio.

Perché lo Spirito Santo è pluralista, chiedete? Lo dice Mancuso su Repubblica e ne trae conferma dal fatto che, di Vangeli, lo Spirito in questione ne ha ispirati non uno ma quattro. Ora, noi non sappiamo per qual partito tenga lo Spirito Santo, ma ci par di ricordare che i Vangeli non parlano di filosofia ma di storia, e che tutti e quattro raccontano la stessa.