a cura di Benedetta Frigerio
  • Natale 2019

In Indonesia due comunità cristiane hanno potuto finalmente celebrare il Natale

 

I cristiani di Jorong Sungai Tambang e di Jorong Kampung Baru, due villaggi della provincia di West Sumatra, in Indonesia, quest’anno hanno finalmente potuto celebrare il Natale dopo che per anni era stato loro proibito. Le autorità dei due villaggi vietavano le celebrazioni sostenendo che si svolgevano nelle case dei fedeli mentre avrebbero dovuto tenersi in luoghi di culto regolarmente registrati. In realtà la comunità cristiana di Jorong Kampung Baru, 16 famiglie cattoliche, da anni cerca invano di ottenere dagli abitanti del villaggio il permesso di costruire una chiesa, ma ancora non è riuscita a procurarsi le 60 firme di cittadini non cattolici necessarie secondo quanto prevede la legge. Nel 2017 alla comunità è stato proibito di celebrare anche le messe domenicali. A Jorong Sungai Tambang la proibizione riguardava invece 210 famiglie protestanti e cattoliche. A decidere le autorità locali a revocare la proibizione è stata una circolare inviata dal Ministro dell’interno Tito Karnavian a tutti i governatori regionali con la quale ordinava loro di praticare e imporre la tolleranza religiosa. La buona notizia è arrivata ai cristiani di Jorong Sungai Tambang soltanto dopo la mezzanotte del 24 dicembre. Quelli di Jorong Kampung Baru lo hanno saputo il 23 dicembre. Inoltre il capo distretto Sudan Riska li ha informati che dopo il 10 gennaio verrà discussa la possibilità di autorizzarli a costruire una chiesa permanente. In tutto il West Sumatra le discriminazioni contro le comunità religiose di minoranza sono diffuse. Solo in nove reggenze provinciali su 19 ci sono delle chiese. L’Indonesia è il più popoloso paese musulmano.