• ALL'INFERNO CON DANTE/ 31

L’orrendo spettacolo dei seminatori di discordia

La nona bolgia dei seminatori di discordia è un luogo a sé all’interno dell’VIII cerchio per lo spettacolo atroce che pone alla vista di Dante e del lettore.

Non sarà un caso se Dante utilizza per questi dannati un registro orrido che talvolta sfuma nel volgare, segno del disprezzo del poeta nei confronti di chi considera l’odio, la vendetta e il sangue come legge della realtà, al posto dell’amore.

Dante incontrerà nella bolgia un celebre trovatore (Bertran de Born) e un parente (Geri del Bello).