• LO SPOT DELLA DIESEL

    Il trans in convento e una fede asintomatica

    Se la Diesel può fare uno spot con un transessuale che entra in convento, mentre la vocazione religiosa scompare, significa che non c'è bisogno di un Ddl Zan: la cultura Lgbt ha già vinto mentre i cristiani diminuiscono. Inoltre, se molti sono positivi al test della fede perché battezzati, spesso non hanno un solo sintomo che la esprima. Resta un lucignolo fumigante.

    • ALLA FACCIA DELLA PANDEMIA

    Quale emergenza se il governo pensa ad un portale trans?

    Mentre si parla di emergenza Covid, il governo lancia un portale in sostegno dei cosiddetti "transessuali" (una minima percentuale della popolazione). Sul sito si parla di collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali. Si leggono poi direttive contrarie alla libertà di scelta delle cure, mentre si finge che non esista la teoria gender e si lancia un piano di diritti speciali legati alle università e ai documenti d'identità. 

    • SCIENZA O IDEOLOGIA?

    Nonostante il Covid-19 il Lancet si occupa della salute dei trans

    The Lancet Public Health dedica il numero di aprile alla salute delle persone transessuali, cercando di dimenticare il coronavirus che per gli alfieri del pensiero unico sta diventando un nemico perché non si parla più di ambiente, immigrati, sovranismi, gay e trans. Il timore che l’opinione pubblica si dimentichi dei cosiddetti diritti civili è alto. Ecco allora occorre porre in campo affinati strumenti di distrazione di massa.

    • CANADA AL VOTO

    «Vivevo come un uomo: le terapie mi salvarono»

    Il governo Trudeau vuole criminalizzare le terapie riparative e gli aiuti per chi soffre di problemi di identità sessuale e desidera riconciliarsi con il proprio sesso. Kathy Duncan ai legislatori: «Ho vissuto come un uomo per 11 anni e soffrivo, i sostegni della Chiesa mi hanno riconciliata con me stessa, ora sono in pace. Vietando questi percorsi sopprimete la libertà di scelta».

    • AUSTRALIA

    Giovani trans: la scienza ammette di non avere spiegazioni

    Giovani trans? La scienza non può offrire garanzie di alcun tipo. Il Royal Australian College of Physicians interpellato dal governo ha chiarito che «le prove esistenti sulla salute e sugli esiti dell'assistenza clinica sono limitate» e ha fatto capire che quella degli adolescenti Lgbt non è affatto un’esistenza felice.

    .

    • SULLA PELLE DEI PICCOLI

    Trans leggono libri ai bimbi: dilaga la moda in Italia

    A Roma, a Catania e a Cinisello Balsamo: le iniziative rivolte ai bambini fin dall'asilo per cui uomini travestiti da donne leggono loro fiabe Lgbt. Con la scusa dell'inclusione e della lotta alle discriminazioni si perverte la mente dei più piccoli: a dimostrare che non c'è così tanto di innocente e scherzoso, come ripetono gli sponsor di questi eventi, sono fatti accaduti negli Stati Uniti.

    • BASTA CHE SIA ARCOBALENO

    Pedofilo transgender scagionato e plagi Lgbt sui bimbi

    Un pedofilo scagionato dopo aver abusato di 12 bambine, perché non aveva ancora "cambiato sesso"; un distretto scolastico fa esperimenti transgender all'insaputa dei genitori: uno psicologo scolastico convince una bimba che è un maschio; Roma sponsorizza spettacoli di "drag queen" per bambine e Siena intrattiene i piccoli con un travestito. Ecco le zone franche del mondo Lgbt, che può tutto mentre i minori subiscono il plagio. Colpa di un mondo che odia la legge naturale. 

    • CHIMERE LGBT

    Clinica per il cambio di sesso a processo: «Noi usati come cavie»

    «Vivo in un mondo in cui non trovo spazio né come maschio né come femmina». Ecco la storia di Keira, 23 anni, che ha deciso insieme ad altre vittime e medici (qui e qui) di denunciare la clinica Tavistock di Londra, nota per i processi di blocco della pubertà di bambini e minorenni in vista delle operazioni chirurgiche di rimozione dei genitali o del seno. In Italia non siamo lontani, ma forse saranno questi piccoli a frenare il business ideologico.

    • L'ATTACCO AI PICCOLI

    Trans contro i genitori: «Non avvicinate i figli al nostro mondo»

    Portare i figli a sentire storie Lgbt lette da uomini vestiti da donne o addirittura farli assistere a spettacoli notturni è la nuova moda dei genitori che vogliono sentirsi al passo con i tempi. Basterebbe guardare le immagini di certi bimbi allibiti per capire la gravità di una lesione simile dell'innocenza. Eppure a riconoscere la realtà è stato un drag queen che ha detto: «Capisco che potresti voler sembrare figo, ma qui c'è droga e sporcizia, coinvolgerli in questo mondo è irresponsabile». 

    • L'OMOERESIA NELLA CHIESA

    Il prete che usa Luxuria e l'ex trans che lo smentisce

    Un prete intervista Luxuria per dire “che trans si nasce e Dio lo sa”. Ma Greene, che voleva essere femmina, spiega: "L'ideologia gender inganna e rende i piccoli degli oggetti sessuali". Perché dietro la falsa carità di Leonardi si nasconde l'odio per i limiti della creazione.
    ​​​