• SCHEGGE DI VANGELO

Un giorno intero

Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato». (Mc 2, 28)

In quel tempo, di sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli, mentre camminavano, si misero a cogliere le spighe. I farisei gli dicevano: «Guarda! Perché fanno in giorno di sabato quello che non è lecito?». Ed egli rispose loro: «Non avete mai letto quello che fece Davide quando si trovò nel bisogno e lui e i suoi compagni ebbero fame? Sotto il sommo sacerdote Abiatàr, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell’offerta, che non è lecito mangiare se non ai sacerdoti, e ne diede anche ai suoi compagni!». E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato». (Mc 2,23-28)

Siccome il lavoro è un’attività che si fa a favore di altri per trarre i mezzi per la sopravvivenza, l’astensione da tale attività ha, tra i suoi scopi principali, quello di potersi dedicare al servizio di Dio mediante l’ascolto della Volontà espressa nella Parola e nell’obbedienza basata sulla sua attenta meditazione. Il riposo settimanale, è perciò un giorno, una porzione di tempo da dedicare a Dio. I discepoli di Gesù dedicano il loro tempo ed energie non al seguito di un uomo, bensì dell’Agnello di Dio. Per questo, chi si dedica a Dio nella Persona di Gesù non compie un atto dissacrante se raccoglie quanto necessario alla vita, senza trarne beneficio. Ricordiamo quindi che la domenica è un giorno intero (non solo un'ora, giusto il tempo per la Messa) per sospendere le attività ordinarie e da dedicare al Signore e alla Sua Volontà.