• DIPLOMAZIA

    Sulla Cina il Vaticano bara

    La Santa Sede ha deciso di proporre il prolungamento dell'Accordo sulla nomina dei vescovi, e ha affidato ad Andrea Tornielli il compito di spiegarne le ragioni. Ma per poter sostenere la positività dell'accordo, Tornielli descrive una realtà cinese che esiste solo nell'immaginazione di chi vuole questo Accordo a tutti i costi.

    • EUTANASIA

    Cappato contro il Vaticano: la libertà si fa intollerante

    Quelli che l’eutanasia legale lascia liberi tutti ora protestano insieme a Marco Cappato perché la Santa Sede ha espresso un’opinione diversa dalla loro. I radicali parlano di libertà ma mentono sul documento "Samaritanus Bonus" e mostrano di non tollerare un parere diverso dal proprio, mentre la Chiesa dicendo il vero non può costringere nessuno a seguirlo.

    • CHIESA

    Becciu, Zen e la crisi di fede nei pastori

    L'immagine della Chiesa che sta uscendo in questi giorni, dopo il siluramento del cardinale Becciu è tutt'altro che edificante. Ma più che la corruzione a creare scandalo è l'incapacità dei nostri pastori di giudicare tutto questo alla luce della fede. Non abbiamo bisogno di papi e vescovi che siano bravi politici ed economisti, ma di pastori santi.

    English Español
    • IL MESSAGGIO DEL PAPA

    Se la Chiesa diventa ancella dell'ONU

    Covid, globalismo e sovranismo, vaccini, clima: nel suo Messaggio alle Nazioni Unite per il 75esimo della fondazione, papa Francesco affronta temi attuali ma adeguandosi al sentire dominante, senza alcun rilievo originale ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa.

    • COMPROMESSI PERDENTI

    Mai fare patti col diavolo, con Hitler come con la Cina

    Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha messo il dito nella piaga, quando ha scritto che gli accordi fra Pechino e Santa Sede hanno peggiorato la situazione dei cristiani in Cina. C'è un precedente storico importante che lo dimostra: il concordato con la Germania di Hitler fu un disastro. Almeno, allora, il segretario di Stato vaticano Pacelli denunciò apertamente il regime. Parolin farà altrettanto?

    • QUEL CHE CI PIACE CREDERE

    La Polonia e le "zone Lgbt free": notizia falsa

    Dalla von der Leyen a Biden, i potenti accusano la Polonia di avere zone "Lgbt free", peccato che la notizia sia falsa e sia stata creata da un attivista arcobaleno. I leader del mondo non hanno nemmeno verificato il fatto e lo hanno usato per promuovere diritti per i poveri discriminati (che discriminati non sono). E poi si chiedono perché il popolo accusato di "complottismo" non si fida di certi poteri.

    • PEDOFILIA TI SDOGANO

    E ora la tv danese mostra adulti nudi ai bambini

    Ultra Strips Down ha mostrato a piccoli dai 9 anni in su diversi adulti senza abiti. Criticato, il produttore si è difeso spiegando che lo scopo è sfatare il mito del corpo perfetto. Eppure le patologie legate al fisico e alla sessualità crescono da quando la fisicità è ridotta a materia biologica. Occorre insegnare la finalità della realtà corporea senza cui non si possono porre limiti nemmeno alla pedofilia.

    • IL LIBRO E LA PROPOSTA

    Una Nuova Costituente per superare l'Italia di Porta Pia

    Porta Pia, il 20 settembre 1870, segna l'inizio dell'anomalia italiana, uno Stato che si impone sulla nazione, ultima delle conquiste militari dei Savoia. L'anomalia centralista e dirigista genera miseria, intellettuale, politica ed economica. Coraggiosa la proposta del libro di Carlo Lottieri, Per una Nuova Costituente, per ridare autonomia (e diritto di secessione) ai territori

    • ANALISI DEL VOTO

    Chi ha vinto? I sindaci e i governatori, non i partiti

    Come era ampiamente prevedibile, dopo il voto alle regionali tutti si dichiarano vincitori. In realtà i vincitori sono trasversali: sono i governatori, soprattutto Zaia, Toti e De Luca, che diventano leader locali a prescindere dai loro partiti di appartenenza. E anche i sindaci seguono sulla stessa linea. Le loro liste personali, come è successo in Veneto, battono quelle dei loro partiti

    • LINEE GUIDA SBAGLIATE

    RU 486, il bambino che non si vuole vedere

    Dove finiscono i resti mortali dei bambini abortiti con la RU486? Con le nuove linee guida sulla RU486 la donna espelle il feto non più in ospedale, ma soprattutto a casa o laddove ha la sventura di essere. Dunque la 194 occulta il bambino abortito perché anche i bambini capirebbero al volo che l’aborto è un assassinio.

    • IMMIGRAZIONE

    Richiedenti asilo: tutte le scuse per non rimpatriarli

    Come arrivino in Italia illegalmente migliaia di africani e di asiatici è chiaro.  Come riescano a non farsi respingere, anche. La magistratura è estranea al gioco? A giudicare da certe sentenze, si direbbe di no. Basti pensare che per immigrati irregolari che arrivano da Paesi in cui si riscontrano casi di Covid inferiori a quelli in Italia, viene negato il rimpatrio per motivi sanitari

    • I POSSIBILI SCENARI

    Elezioni, una sfida con poche certezze

    PD e Cinque Stelle arrivano alle urne con tante paure. Il governo spera nel pareggio 3-3 nelle regioni che contano, mentre il centrodestra sogna il cappotto (7-0, Valle d’Aosta inclusa). Se il destino di Campania (De Luca), Liguria (Toti) e Veneto (Zaia) sembra segnato e se al referendum sul taglio dei parlamentari sembra probabile il “sì”, tutte le altre partite si giocano sul filo del rasoio