• IL NEONATOLOGO BELLIENI

    Fertilità: sfida educativa, medica, ma anche ambientale

    Ci sono anche l'utilizzo di sostanze plastiche e chimiche tra le cause della crescente sterilità di uomini e donne che contribuiscono a far crescere l'inverno demografico. Secondo il neonatolodo Carlo Bellieni «la scienza ha fatto passi da gigante, ma media e scuole ignorano il problema».

    • ALTRO CHE SPOT "FASCISTA"

    Lo spot danese e il bigottismo italico

    In Danimarca hanno compreso prima di noi che l'inverno demografico sta portando alla fine della società. Così il governo si è attrezzato. E così ha fatto un'agenzia di viaggi che ha messo a punto uno spot pruriginoso per invitare i danesi a concepire figli in vacanza. E' fascismo anche questo? 

    • LE RAGIONI DELLA CAMPAGNA

    Natalità, mai così male dal 1861

    Il demografo Blangiardo. "Nel I trimestre 2016 calo del 4% sul 2015, che fu l'anno peggiore con 486mila neonati". E avverte: "La ricetta nel Piano famiglia che i governi tengono nel cassetto". Perché puntano sulla procreazione assistita? "Sospetti, ma la fecondazione naturale toglie business all'artificiale".

    - ANCHE LA DANIMARCA E' FASCISTA?

    • IL PIANO FERTILITA'

    Ridare a mamma e papà un prestigio sociale

    Nel Piano fertilità molte affermazioni condivisibili. Il Ministero della Salute si è reso conto che la cultura libertaria ha svuotato le culle. Però non è andata sino in fondo attaccando la cultura edonista che è struttura portante di molte leggi italiane e di molti atti di governo.

    • CONTRO LA LEGGE DI DEPENALIZZAZIONE

    La piazza parla In Cile 30mila contro l'aborto

    In 30mila a Santiago contro la legge di depenalizzazione dell'aborto che la presidenta Bachelet ha promesso in campagna elettorale. Sostenuti da una Chiesa compatta e determinata, giovani e giovanissimi stanno mostrando una cultura pro life ormai matura. E sabato si replica con un'imponente Celebración por la Vida della quale la Bachelet non potrà non tenere conto.

    • VITTIME DIMENTICATE

    Il dramma delle donne yazide costrette all'aborto

    Sono 3.000: violentate e ridotte in schiavitù. Ma il dramma delle yazide non finisce con la prigionia dell'Isis. Tornate a casa il clan le ripudia se incinte di uomini di Daesh. E vengono costrette all'aborto. Ma ci sono anche casi di vero e proprio eroismo di donne che preferiscono essere allontanate piuttosto che uccidere il proprio figlio. Succede in Iraq, nel disinteresse della comunità internazionale per la quale l'aborto è un diritto. 

    • DOPO LA SENTENZA DEL TAR

    Obiezione, quel che i giudici fingono di non sapere

    C'è da rimanere stupefatti per l'approssimazione scientifica e l'incoerenza logica che permea da cima a fondo la sentenza che obbliga i medici obiettori di coscienza a rilasciare il documento per abortire. Per capire come stanno le cose provate a immaginare se don Vito Corleone scrivesse un pizzino e...

    • IL CONVEGNO

    La bimba sana che non doveva nascere

    Una storia che arriva dal Piemonte: coppia in attesa della bimba: l'ecografia ravvisa un problema grave, il medico consiglia di andare ad abortire in Francia perché ormai in Italia è proibito. I genitori rifiutano con una totale fiducia nella vita. La bimba nasce sanissima. Storie di speranza e fede. Un convegno a Casale Monferrato organizzato dal Mpv.

    • IL SEMINARIO DEL COMITATO

    Verità e vita, nuove sfide nel ricordo di Palmaro

    Il seminario del comitato Verità e Vita a Foligno dal 24 agosto. Sarà ispirato all'impegno di Mario Palmaro, bioeticista e docente che ha dato un impulso fondamentale alla cultura pro life in Italia. «Ci ha insegnato che la vita va difesa nei dibattiti pubblici, nell’ambito legislativo e nell’intimo delle nostre famiglie».

    • DOCUMENTARIO CHOC

    In Svezia, dove l'uomo non è più persona, ma individuo

    Un documentario choc mostra il nichilismo della terra che tutti invidiamo per il welfare. Metà popolazione è alla ricerca dell'individualismo: le donne accedono alla fecondazione artificiale in casa e chi muore solo non mancherà a nessuno. Ecco il frutto dell'ideologia marx-femminista sbandierata negli anni '60.

    • LA SENTENZA

    Il Tar mette in ginocchio i medici obiettori

    Sentenza del Tar del Lazio obbliga i medici obiettori nei consultori a certificare le gravidanze e a prescrivere pillole abortive. E' una fuga dei giudici dalla realtà che delinea una concezione etica da stato totalitario.

    -MORIRE DI PILLOLA A 23 ANNI 

    • GLI EFFETTI DELL'ANTICONCEZIONALE

    Morire di pillola a 23 anni. La storia di Charlotte

    Una 23enne è morta per un coagulo di sangue formatosi a causa dell'uso della pillola anticoncezionale che le ha provocato un'embolia polmonare. Lo attestano gli esami medico legali effettuati sulla ragazza il cui medico non le aveva prescritto la sospensione del trattamento. I casi di decessi da pillola sono ormai numerosi.