• MULLER

    Ostia a non cattolici, rifiutare anche se lo dice il vescovo

    Un sacerdote può e deve rifiutarsi di dare la Comunione a un non cattolico, anche se fosse il suo vescovo a ordinarglielo: così il cardinale Gerhard Müller ha commentato l'affermazione del vescovo tedesco Genn secondo la quale non si avrebbe “il diritto di consentire o negare l'accesso all'Eucaristia". “Un vescovo che impone sanzioni contro i sacerdoti che gli disobbediscono giustamente abusa gravemente della sua autorità apostolica”.

    • AVEVA 91 ANNI

    A Dio Spaemann, l'ultimo grande filosofo cattolico

    Robert Spaemann, morto ieri a 91 anni, è stato l’ultimo grande filosofo cattolico. La sua opera è stata una grande critica della modernità e una apologetica della ragione e della fede insieme a tutti i livelli nella verità. Il sodalizio con Benedetto XVI a Ratisbona. La denuncia di relativismo morale dopo la pubblicazione di Amoris laetitia.

    • PAROLA DI SANTI

    Apologia della preghiera distratta

    Per coloro che sono nel mondo ma non sono del mondo, la preghiera è spesso disturbata da altri pensieri e affanni: il Rosario viene detto un poco meccanicamente, eppure, non bisogna smettere di pregare, anzi quella preghiera ha veramente un valore speciale. E a dirlo sono Dottori della Chiesa come Tommaso d'Aquino o Teresina del Bambin Gesù.

    • L'INTERVISTA

    "Messa in latino, c'è il rischio di un tentativo di golpe"

    "Alcuni vescovi stanno provando a sconfessare il motu proprio Summorum Pontificum, l’atto con cui Benedetto XVI restituiva piena cittadinanza alla forma preconciliare della Messa in rito romano definita forma extraodinaria". La denuncia arriva dal fondatore del blog MessainLatino, che da dieci anni è un felice esperimento mediatico per sdoganare, dando cittadinanza, ai cosiddetti tradizionalisti. E che in Vaticano è seguito più di quanto si immagini...

    • SACRILEGIO NEGLI USA

    "Gesù? E' evaporato". Così il vescovo distrugge il miracolo

    I cattolici di Buffalo sono sbalorditi dal sapere che il loro vescovo potrebbe aver deliberatamente distrutto un'Ostia forse protagonista di un miracolo eucaristico. La particola è caduta accidentalmente durante la messa e il parroco l'ha raccolta e, dopo averla immersa nell'acqua, l'ha custodita nel tabernacolo. Dopo quache giorno l'Ostia che si stava sciogliendo era macchiata di rosso. Ma il vescovo ha dato l'ordine di cestinare il tutto perché "Gesù ormai non c'è più". E a quel punto i fedeli sono insorti. 
    -LO SCIENZIATO: "UN CUORE VIVO CHE SOFFRE" di Costanza Signorelli

    • IL LIBRO

    Abusi, l'esempio dei santi per accompagnare le vittime

    Esce in Italia Vi do la mia pace – un cammino spirituale per le persone vittime di abusi (San Paolo) scritto da una vittima di abusi fin dall'età di cinque anni. Con uno straordinario percorso di redenzione, che passa proprio dalle vite di molti santi che subirono l'umiliazione dell'abuso fisico o psicologico: santa Caterina, Gemma Galgani, Margherita da Cortona, Rosa da Lima, Margherita Maria Alacoque, Giuseppina Bakhita e la beata Laura Vicuña.

    • PARLA UN PRETE AUSTRIACO

    "Mi vergogno davanti a Dio per quello spettacolo in Duomo"

    "Sono solo un sacerdote, irrilevante e insignificante. Ma qui lo dico ufficialmente: mi vergogno davanti a Dio per la mia Chiesa, per questo e per altri problemi. Non temiamo più l’Onnipotente! Niente è più sacro per noi! Le anime di quelli a noi affidati le calpestiamo". La denuncia di un prete austriaco dopo l'evento Lgbt di Vienna. 

    • UCCISI DAL JIHAD

    Oggi sono proclamati beati i monaci martiri dell'Algeria

    I monaci Christian, Luc, Christophe, Michel, Célestin, Paul e Bruno furono rapiti, nel loro monastero cistercense a Tibéhirine,  in Algeria, la notte tra il 26 e il 27 marzo 1996. Due mesi più tardi, circa, si seppe che erano morti, assassinati dai terroristi islamici del Gia. Ventidue anni dopo sono proclamati beati dalla Chiesa

    • OMOERESIA

    Preti gay, no del Papa: la furia di Martin è concessa

    "Omosessualità? Una moda, un errore accogliere in seminario chi ha tendenze radicate", dice il Papa. Ma l'omoeretico Martin lo rimbrotta cercando di interpretarlo correttamente e stravolgendo il significato della castità: "Sbaglia, così ferisce i gay". Nessuno protesta. Com'è che a lui è permessa la critica e invece chi solleva dubbi rispettosamente viene messo in croce? 

    • IL SANTO AI RAGGI X

    Ambrogio, vita e catechesi: la lezione di un vescovo

    Chi educa alla fede non può rischiare di apparire una specie di clown, che recita una parte per mestiere. E' l'esempio lasciatoci da Sant'Ambrogio, di cui oggi la Chiesa fa memoria. Un esempio in cui la catechesi è inseparabile dalla testimonianza di vita e che ci parla ancor oggi. 

    • LO SCANDALO

    Amanti e abusi, la dolce vita della "spalla" di Maradiaga

    Ci sono guai grossi nella diocesi del cardinale Oscar Rodriguez Maradiaga legati sia agli abusi sessuali, sia ai comportamenti omosessuali del suo braccio destro, il vescovo Pineda. Che è stato dimesso, ma sul quale non è stata avviata nessuna indagine. La pubblicazione di un dossier svelta uno scenario inquietante sul "protetto" di uno dei principali collaboratori del Papa. 

    • MANTOVA

    Divorziati "risposati", via libera alla comunione d'ufficio

    La "furbata" della diocesi di Mantova: dà il via libera a un "cammino ecclesiale" per i divorziati in seconda unione che preveda anche la concessione, in alcuni casi, della comunione. Ma dalle indicazioni si capisce che in realtà il percorso dovrà avere sempre esito positivo. Nessuna traccia di pentimento, proposito di cambiare vita, castità nè definizione di adulterio. L'unico testo preso a riferimeto è il capitolo VIII di Amoris Laetitia. Per accedere ai sacramenti basta seguire un protocollo in quattro tappe. E se insorgono ostacoli il vescovo li supererà.