• IL TEMA

«L'ansia di papa Francesco per la riconciliazione con il mondo islamico»

Oggi e domani papa Francesco sarà in Egitto per una visita importante al cui centro c'è la visita all'Università islamica al-Azhar. «Mi aspetto che il Papa insista sulla necessità che i cristiani in Egitto siano considerati cittadini come tutti». Così afferma l'islamologo gesuita, egiziano, padre Samir Khalil Samir, in una intervista a rossoporpora.org che qui riprendiamo.

Padre Samir Khalil Samir

«Lo scopo di papa Francesco è quello di fare di tutto per riconciliarsi pubblicamente con il mondo musulmano. Per lui tutte le religioni sono religioni di pace e tutte le religioni hanno i loro fondamentalisti». Ma «i fondamentalisti islamici non solo sono musulmani a pieno titolo ma per molta gente sono i "più musulmani"». «Mi aspetterei che il Papa insistesse sulla necessità che i cristiani in Egitto siano considerati dei cittadini come tutti. Da anni chiediamo che la cittadinanza prevalga sull’appartenenza religiosa e speriamo che questa volta qualcosa si muova in tal senso». 

Sono queste alcune delle affermazioni di padre Samir Khalil Samir in una intervista a Giuseppe Rusconi pubblicata sul sito www.rossoporpora.org. Padre Samir, gesuita, egiziano, islamologo nell'intervista spiega la realtà dei cristiani in Egitto, la loro consistenza, i loro rapporti con i musulmani, oltre che i principali temi della visita di papa Francesco in Egitto che si svolge oggi e domani.

Qui il link all'intervista integrale.