• ELEZIONI

    Congo, la complicata fine dell'era Kabila

    Con due anni di ritardo si sono finalmente svolte le elezioni nella Repubblica democratica del Congo, che segnano comunque la fine dell'era dei Kabila. Ma tra brogli, corruzione, il virus Ebola che ha impedito il voto in alcune zone e i territori controllati dalle milizie ribelli, è ben difficile trovare motivi di soddisfazione. 

    • CONTINENTE NERO

    Congo, repressione di Kabila. La polizia spara sui cattolici

    Il presidente/dittatore Kabila, dopo un accordo mediato dalla Chiesa, aveva accettato di indire elezioni entro il 2017. Non ha mantenuto la promessa. La Chiesa, dopo aver fatto suonare le campane delle parrocchie tutti i giovedì per ricordarglielo, il 21 ha indetto pacifiche manifestazioni. La polizia ha reagito con violenza: almeno dieci i morti.

    • CONTINENTE NERO

    Per chi suona la campana? Per un mancato accordo

    Dal 14 dicembre in poi, ogni giovedì sera, suonano le campane di tutte le chiese di Kinshasa. E' un modo per ricordare l'accordo fra il presidente Kabila e i partiti all'opposizione, mai rispettato, la cui mancata applicazione rischia di far scoppiare la guerra civile.

    • CONTINENTE NERO

    L'Africa insanguinata da attentati e scontri politici

    Nuovo attacco jihadista in Somalia: colpito un hotel di Mogadiscio prima di un vertice dell'anti-terrorismo. Sangue in Kenya, durante le elezioni contestate da Odinga contro Kenyatta. Sangue anche in Congo. E il Burundi vuole lasciare la Corte Penale Internazionale.

    • PROFUGHI E MIGRANTI

    Rimpatri forzati in Africa

    I rimpatri forzati di cittadini eritrei in Sudan, un massacro di immigrati burundesi in Repubblica Democratica del Congo: si appanna l’immagine dei paesi che l’Acnur porta a esempio di accoglienza