• LEGGE DI BILANCIO AI RAGGI X/1

    Scuola, diritto grande assente dalla manovra "del popolo"

    Il grande assente della finanziaria è il diritto. Non una parola spesa per dire come si intende eliminare la discriminazione sui genitori che, dopo aver pagato le tasse, se scelgono una buona scuola pubblica paritaria devono pagare due volte, con le tasse e la retta. Il governo del popolo riconosce i diritti di tutti, compresi i riders delle pizze, ma non dei genitori, i quali se in difficoltà economica, si sentono rispondere: “Ma per il povero c’è la scuola statale”. Una libertà negata che oggi pesa 2,8 miliardi di euro e che con il costo standard sarebbero risparmiati. 

    • IL CASO

    Appalti pubblici diretti, porta aperta alla corruzione

    L'innalazamento della soglia fino a 150mila euro per gli affidamenti diretti, contenuto in manovra, è in palese contraddizione con le norme anticorruzione dello stesso governo. Si molitplicheranno i rischi di infiltrazione criminale nell'amministrazione pubblica.

    • LA STRATEGIE 5 STELLE

    Rimpasto di governo per arginare la debacle 5 stelle

    Sono i Cinque Stelle a voler fare fin da subito un tagliando al governo prima delle elezioni europee, mentre la Lega ha tutto l’interesse a lasciare le cose come stanno fino al 26 maggio per poi chiedere e ottenere il rimpasto da una posizione di forza. I sondaggi, infatti, sono unanimi nell’attribuire una supremazia al Carroccio e un calo ai grillini.

    • FINANZIARIA

    Tutto dallo Stato, niente al volontariato

    La "tassa sulla solidarietà", cioè il raddoppio dell'Ires sulle associazioni non profit, sarà cambiata. Ma già l'averla proposta è rivelatore della logica con cui ragiona il governo Conte: sì ai sussidi e alle pensioni di Stato, ma no al volontariato, privato, che aiuta i più bisognosi. E' l'opposto del principio di sussidiarietà.

    • GIALLO-VERDI

    Tregua fra Lega e M5S, solo calma apparente

    Dopo aver incassato l'approvazione di Bruxelles sulla manovra economica, il governo è entrato in una fase di calma apparente. In realtà, sotto le ceneri, cova una forte conflittualità fra Lega e 5 Stelle. Questi ultimi portano a casa importanti risultati, la Lega sta alzando il prezzo sulle autonomie. E la piazza sta iniziando a rumoreggiare.

    • JIHAD E PROPAGANDA

    Le vittime dei jihadisti non sono tutte uguali

    Antonio Megalizzi, vittima italiana dell’attentato di Strasburgo. La Bonino lo definisce "un eroe europeo". È diventato un simbolo. Non come tante altre vittime del terrorismo islamico, dimenticate o addirittura stigmatizzate per ragioni ideologiche. E sì che il terrorismo jihadista uccide tutti allo stesso modo, indiscriminatamente.

    • PROMESSE DISATTESE

    Ci risiamo, una manovra col Parlamento esautorato

    L’argomento forte dei sostenitori del “no” al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 era la difesa del Parlamento, delle sue prerogative costituzionali, contro i colpi di mano “presidenzialisti” e le svolte autoritarie. L’impressione oggi è di un Parlamento ridotto a mero organo di ratifica di decisioni prese altrove, tenuto sotto scacco dal ricatto dei capipartito che impongono la fiducia su ogni provvedimento a rischio.

    • LO SCENARIO

    S'avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd

    Da settimane si fanno sempre più insistenti le voci di un tentativo di unire diverse associazioni cattoliche impegnate nel sociale per costituire una nuova formazione politica. Il cardinale Bassetti parla di partire con un forum di associazioni. Di sicuro c'è il programma: più Europa, più immigrati. Un film già visto e destinato al fallimento. Ma negli esempi proposti da Bassetti - Sturzo, De Gasperi, La Pira - si svelano le contraddizioni dei vescovi.

    • OPPOSIZIONE

    Saviano per la libertà di stampa? Da che pulpito!

    Roberto Saviano si erge a paladino della libertà di stampa, soprattutto contro il taglio ai finanziamenti ai giornali e a Radio Radicale in particolare. Ma è la persona meno indicata per ricoprire questo ruolo. Saviano dimentica che il primo beneficiario di questo clima qualunquista dell’informazione è proprio lui, libero di insultare chi vuole.

    • IMMIGRAZIONE

    Miti e strumentalizzazioni del Decreto sicurezza

    "Produce un maggior numero di immigrati irregolari" e "manda per strada i richiedenti asilo". Sono solo due delle contestazioni al nuovo Decreto sicurezza che regolerà il permesso di soggiorno in Italia. A parte il fatto che gli immigrati non si creano con la legge, ma sono già entrati, il decreto mette ordine al caos dei permessi dati a tutti

    • SCONTRO DI POTERI

    Salvini contro i magistrati (e dunque contro i 5 Stelle)

    Salvini contro il procuratore Spataro: si riaccende lo scontro fra il ministro degli Interni e la magistratura. Il braccio di ferro si riflette nella distanza politica fra gli alleati, fra i giustizialisti 5 Stelle, amici dei magistrati, e una Lega che sta ripercorrendo le linee del centrodestra. Mattarella potrebbe avere un piano B in caso di caduta del governo.

    • A IVREA

    Fare presepi per beneficenza diventa "sconveniente"

    L’associazione AIEA ha proposto un evento per raccogliere fondi a favore di un centro per l'infanzia in Namibia: un concorso di presepi. Ma le scuole lo rifiutano, perché può "urtare la sensibilità" dei non cristiani. E pochi giorni prima il Pd aveva obiettato a un ordine del giorno in difesa di Asia Bibi e dei cristiani perseguitati.